Come evitare di prendere peso durante la quarantena

02 aprile, 2020
Il digiuno intermittente è una misura molto efficace quando si tratta di perdere peso ed evitare di recuperarlo a medio termine. Quali altre tecniche possono aiutare durante la quarantena?

Uno dei principali problemi che comporta la quarantena è il cambiamento della composizione corporea. Durante questo periodo, l’attività fisica è ridotta e, con essa, il dispendio energetico. Pertanto, è essenziale adattare la dieta a questa nuova situazione. In questo articolo vi diremo come evitare di prendere peso durante la quarantena.

Continuate a leggere per scoprire alcune strategie volte ad evitare l’aumento di peso, nonostante la nostra attività fisica sia limitata e dobbiamo restare a casa. Prendete nota!

Evitare di prendere peso in quarantena con il digiuno intermittente

Il digiuno intermittente è un protocollo dietetico molto efficace nel migliorare la composizione corporea, come affermato in un articolo pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition ESPEN.

Una possibilità, sempre sotto la supervisione di un professionista del settore, è quella di eliminare la colazione. Perché proprio la colazione?

Perché è probabile che questo pasto includa alimenti molto zuccherati e ricchi di conservanti, entrambi dannosi per il corpo. Per questo motivo, sopprimere questo pasto comporterà una significativa riduzione delle calorie settimanali totali.

Inoltre, il digiuno durante le prime ore del giorno comporta una serie di meccanismi di compensazione ormonale che stimolano la combustione dei grassi.

A causa della mancanza di assunzione di carboidrati, il corpo dà la priorità agli acidi grassi come molecole di energia primaria. Innanzitutto, utilizza quelli che circolano nel plasma sanguigno; più tardi si avvale di quelli immagazzinati nei depositi di grasso.

Il modo migliore per iniziare il digiuno intermittente è seguire un protocollo 16/8. Tuttavia, si tratta comunque di qualcosa che dovrebbe essere discusso con il nutrizionista per evitare di prendere misure che possono mettere a rischio la salute. Il digiuno intermittente, infatti, dovrebbe essere adottato sempre sotto la supervisione di un professionista.

Rispettare gli orari dei pasti

Evitare di prendere peso in quarantena dipende anche dalla spesa

La quarantena riduce al minimo necessario il numero di volte in cui possiamo uscire di casa. Pertanto, la disponibilità di cibo è notevolmente ridotta. Per questo motivo, sarà bene non acquistare prodotti trasformati.

Seguendo questa linea guida, eviteremo di cadere in tentazione e di includere calorie inutili nella nostra dieta quotidiana. Durante la quarantena è meglio mangiare cibi freschi, ricchi di sostanze nutritive e con bassa densità calorica. Al contrario, vale la pena evitare l’assunzione di prodotti trasformati e zuccherati, che non possiedono micronutrienti nella loro composizione.

Per migliorare il controllo dell’appetito e del meccanismo di sazietà, è utile includere nella dieta i cereali integrali o muesli. Un esempio pratico può essere l’avena. Esistono studi clinici che supportano l’effetto dell’avena sul meccanismo di sazietà, poiché riduce la necessità di fare uno spuntino tra i pasti.

Meglio fare attenzione ai carboidrati durante la quarantena

La funzione dei carboidrati è fondamentalmente energetica. Poiché il fabbisogno calorico diminuirà durante la quarantena, il modo migliore per regolare il bilancio energetico è quello di eseguire una restrizione parziale dei carboidrati.

Iniziare una dieta chetogenica potrebbe risultare eccessivamente difficile per alcune persone. Se non ci siete abituati, i suoi effetti collaterali nei primi giorni possono costringervi ad abbandonare questa idea.

Tuttavia, ottimizzare l’assunzione di carboidrati può essere sufficiente per limitare l’apporto calorico senza troppi sforzi. Evitate di scegliere cibi che contengono questo macronutriente in tutti i  pasti. È sufficiente mangiarli una volta al giorno, sempre in forma integrale e a basso indice glicemico.

Al contrario, la priorità deve essere data alle proteine ​​e ai grassi. Anche il consumo di frutta e verdura è essenziale. Grazie al loro alto contenuto di micronutrienti, garantiscono il corretto funzionamento del sistema immunitario. Inoltre, la frutta è ottima per il recupero muscolare dopo l’esercizio fisico a casa.

Mangiare frutta durante la quarantena


Da tenere in considerazione

È essenziale evitare i cambiamenti drastici nella composizione corporea durante il periodo di quarantena. Prendere peso potrebbe danneggiare la salute, motivo per cui vale la pena trovare i modi per evitarlo attuando una serie di strategie per ottimizzare la dieta ed evitare di cadere in una dieta ipercalorica.

Il digiuno intermittente può essere una soluzione efficace a questo problema. Dobbiamo prestare particolare attenzione all’assunzione di carboidrati e dare sempre la priorità al contributo di frutta e verdura. Ottimizzare l’assunzione di antiossidanti e vitamine ci aiuterà a rimanere in salute e a rafforzare il sistema immunitario.

Inoltre, per quanto possibile, per evitare di prendere peso dovremmo cercare di rimanere attivi. Un’opzione è quella di riservare qualche ora al giorno per praticare qualche tipo di esercizio, anche se a casa e con ciò che abbiamo a disposizione. Tutto funziona per superare questa fase!

  • Santos HO., Macedo RCO., Impact of intermittent fasting on the lipid profile: assessment associated with diet and weight loss. Clin Nutr ESPEN, 2018. 24: 14-21.
  • Rebello CJ., O’Neil CE., Greenway FL., Dietary fiber and satiety: the effects of oats on satiety. Nutr Rev, 2016. 74 (2): 131-47.