Le proprietà della manioca, un fantastico tubero molto saporito

12 settembre, 2020
La manioca è un tubero originario del continente americano che può essere un'ottima aggiunta alla nostra dieta.
 

Di tutte le alternative che abbiamo a nostra disposizione per aggiungere idrati alla nostra dieta, tra le più salutari ci sono le verdure e i tuberi amidacei come la manioca. Un cibo poco conosciuto nella nostra cultura ma con molte proprietà e benefici. Se siete interessati a conoscerli continuate a leggere!

Perché introdurre prodotti di altre culture nella nostra dieta?

Quando pensiamo a una dieta sana, ci vengono sempre in mente lattuga e petto di pollo. Ma per fortuna non c’è nulla di più sbagliato. Tuttavia, se stiamo cercando di seguire una dieta ricca di verdure e povera di grassi, a un certo punto potrebbe sembrarci che la nostra tavola sia un po’ monotona.

Provare nuovi modi di cucinare lo stesso prodotto è un inizio, ma l’avventura continua con la scoperta di nuovi cibi, magari provenienti da altri continenti. Un bel modo per aggiungere varietà e per fare piccoli viaggi culinari.

La manioca: un tubero tutto da scoprire!

La manioca, nota anche come cassava o yuca, è un tubero che viene dalla zona tropicale dell’America. Le condizioni ambientali necessarie per la sua crescita sono principalmente il calore e l’umidità, ma è nota per adattarsi agli altri climi. La sua coltivazione ha un basso impatto e può crescere anche in mancanza d’acqua.

La parte della manioca che consideriamo cibo sono le radici, come la carota o la patata. Viene consumata allo stesso modo di questi prodotti che costituiscono la base della nostra dieta, ma la composizione nutrizionale della manioca è piacevolmente diversa.

 

Composizione nutrizionale della manioca

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Science della Nigeria, la manioca, a differenza del resto dei tuberi con cui potremmo confrontarla, contiene il 90% in più di amido ed è molto povera di proteine ​​e grassi.

D’altra parte, anche se il suo contributo di vitamina C, calcio e alcune vitamine del complesso B è interessante, la proporzione di micronutrienti è piuttosto scarsa.

Tuttavia, vale la pena notare che le foglie che emergono dal tubero hanno una percentuale più alta di proteine, allo stesso livello o addirittura più della soia. Hanno una concentrazione minima di fibre e sono una fonte di polifenoli e tannini (come l’uva) che si distinguono per la loro azione antiossidante. Tuttavia, di solito le foglie vengono scartate e si consumano solo le radici.

Secondo la ricerca effettuata in Nigeria e citata sopra, la manioca contiene anche carboidrati cianogeni, cioè la loro trasformazione una volta ingeriti dà origine al cianuro. Pertanto, se il consumo è cronico e nel quadro di una dieta carente di vitamine e minerali può causare danni che vanno dalla neuropatia all’avvelenamento.

Non fatevi prendere dal panico. Perché ciò accada, dovremmo praticamente avere una dieta a base di manioca e nient’altro che aria e acqua, e come abbiamo già detto, ciò che vogliamo è inserire un po’ di varietà e nuovi sapori alla nostra dieta attuale.

Yucca fritta con spezie.
 

Proprietà della manioca

Come abbiamo già detto, la manioca è costituita principalmente da carboidrati, motivo per cui è un alimento ad alta energia. Fortunatamente, gran parte dell’amido è resistente, cioè può essere paragonabile alla fibra alimentare.

L’amido resistente favorisce il transito intestinale, produce sazietà, migliora le condizioni metaboliche e fornisce un aiuto per perdere peso. La manioca non è un alimento ad alta densità nutrizionale, ma se vogliamo consumarla, dovrebbe essere nel quadro di una dieta varia che garantisce vitamine e minerali, così come proteine ​​di qualità che questo tubero non ha.

Un’altro aspetto positivo della manioca è che da questo prodotto possiamo ottenere una farina senza glutine, simile a quella prodotta dalla tapioca. Quindi è un prodotto in grado di diversificare la dieta dei pazienti celiaci.

Come possiamo consumarlo?

La manioca è un tubero molto più denso di amido rispetto alla patata, il che lo rende anche più saporito: ha un colore da bianco a giallo, un sapore neutro anche se può essere più dolce se scegliamo una varietà più ricca di fruttosio.

Dobbiamo prestare attenzione se percepiamo un gusto amaro perché indica un alto contenuto di cianuro. Questo tubero viene cotto in meno di 30 minuti e può essere consumato bollito, al vapore, alla griglia, al forno o fritto, proprio come le patate.

Che aspettate? Provate la manioca e portate una novità esotica nella vostra dieta!