È possibile accelerare il metabolismo?

02 agosto, 2020
Il metabolismo è l'insieme delle reazioni fisiche e chimiche che si verificano nelle cellule, ed è anche responsabile della quantità di calorie che bruciamo durante il giorno. In questo articolo vedremo se è possibile accelerarlo.
 

Accelerare il metabolismo è uno dei grandi obiettivi delle diete dimagranti. Molti pensano che un metabolismo veloce consente di mangiare di più senza aumentare di peso o addirittura perdere grasso. Ma non è così semplice.

Infatti, ci sono sempre delle mezze verità in queste affermazioni e non bisogna mai sottovalutare le basi fisiologiche che regolano determinati processi. In questo articolo vi diremo cos’è esattamente il metabolismo e se è possibile accelerarlo per raggiungere i nostri obiettivi fitness più rapidamente.

Cos’è il metabolismo?

Il metabolismo è l’insieme dei processi e delle reazioni fisiche e chimiche che si verificano a livello cellulare. Ciò include molti diversi tipi di reazioni che consentono alle cellule di nutrirsi, crescere e scomporsi.

A un livello superiore, un processo simile mantiene l’integrità e la funzionalità dei tessuti e degli organi, preservando così l’omeostasi dell’organismo.

Sebbene le reazioni che si verificano all’interno della cellula siano molto diverse e forniscano sintesi complete di endocrinologia, in una forma generale e semplificata, sono divise in due tipi:

  • Reazioni cataboliche o catabolismo. Sono reazioni in cui diversi composti complessi vengono scomposti per ottenere quelli più semplici e, fondamentalmente, energia. Un esempio di questo tipo di reazione è la glicolisi, il ciclo di Krebs o l’ossidazione degli acidi grassi.
  • Reazioni anaboliche o anabolismo. Sono i processi opposti a quelli catabolici. Queste reazioni usano l’energia per costruire elementi complessi da quelli più semplici. Un esempio di queste reazioni è la sintesi delle proteine ​​dagli aminoacidi.
 

Metabolismo basale e tipi di metabolismo

Il metabolismo è un insieme di reazioni che ci aiutano a generare e consumare energia sotto forma di calorie. Tuttavia, se non nutriamo il nostro corpo, non otterremo l’energia di cui ha bisogno per mantenere le funzioni vitali ed essere compensata, quindi dobbiamo mangiare ogni giorno.

Ragazza fa running con la pioggia per accelerare il metabolismo.

Il numero di calorie che il nostro corpo utilizza per mantenerci in vita, senza tener conto di quelle che vengono consumate durante l’attività sportiva, è noto come tasso metabolico basale. Questo è variabile e diverso per ogni persona.

Sulla base di questo concetto, esistono diversi tipi di metabolismi. Ad esempio, ci sono persone con un metabolismo che risparmia energia, cioè che tendono a consumare meno calorie al giorno, mentre altre ne consumano di più.

Ci sono persone che sono in grado di mangiare grandi quantità di cibo senza ingrassare, così come ci sono altre persone con una maggiore tendenza ad aumentare di peso.

È possibile accelerare il metabolismo?

Questa domanda ha una risposta semplice, ma vale la pena fare dei chiarimenti. Possiamo accelerare il nostro metabolismo e quindi il nostro dispendio calorico giornaliero, ma non possiamo modificare il modello con cui siamo nati.

 

Ciò significa che, a partire da un diverso tasso metabolico basale, due persone possono aumentare il loro dispendio calorico. Tuttavia, una persona con un fenotipo che tende a risparmiare energia non sarà mai in grado di bruciare tante calorie quante quelle di una persona che ne consuma di più.

Vantaggi dei fenotipi metabolici

Possiamo classificare tre fenotipi metabolici, a cui bisogna associare un diverso somatotipo. Ognuno ha i suoi vantaggi e svantaggi, quindi è interessante sapere qual è il nostro fenotipo per pianificare la dieta.

  • Fenotipo “Risparmio”. Come abbiamo già detto, queste persone consumano meno energia, quindi la accumuleranno più facilmente sotto forma di grasso. Con questa struttura a risparmio energetico sarà più facile per loro costruire la massa muscolare. Questo fenotipo viene associato al somatotipo endomorfo.
  • Fenotipo “dispendioso”. È il fenotipo di coloro che mangiano tutto ciò che vogliono senza ingrassare, perché il loro corpo consuma quasi tutto. Non accumulano grasso, ma hanno reali difficoltà ad aumentare la massa muscolare. Corrisponde al somatotipo ectomorfo.
  • Fenotipo “misto”. È il più equilibrato; si trova in un punto intermedio tra i precedenti. Corrisponde al somatotipo mesomorfo.
Ragazza si misura la vita.
 


Modi per accelerare il metabolismo

In quest’ultima sezione, vi daremo alcune linee guida per accelerare il metabolismo basale. Ciò aumenterà il dispendio calorico giornaliero e faciliterà il raggiungimento degli obiettivi fitness mirati alla perdita di grasso.

  • L’esercizio fisico ad alta intensità aumenta il dispendio calorico dovuto all’effetto BPCO. In questo modo si crea un debito di ossigeno e sono necessarie più calorie per riguadagnare la normale funzione corporea.
  • Alcuni stimolanti come la caffeina o la teina aumentano leggermente il nostro dispendio calorico giornaliero.
  • L’esercizio della forza favorisce la crescita muscolare. Il muscolo è un tessuto difficile da mantenere per il corpo, quindi deve aumentare le calorie spese quotidianamente per mantenerlo.
  • Riposare a sufficienza è fondamentale per mantenere il metabolismo accelerato. Il sonno scarso è collegato agli ormoni in eccesso come il cortisolo, che hanno l’effetto opposto.

Infine, tenete presente che il miglioramento della salute generale aumenta la sintesi degli ormoni metabolicamente molto attivi, come gli ormoni sessuali o l’ormone della crescita. Ecco perché è così importante avere delle sane abitudini!

 
  1. McPherron AC, Guo T, Bond ND, Gavrilova O. Increasing muscle mass to improve metabolism. Adipocyte. 2013 Apr;2(2):92–8.
  2. Farr OM, Camp M, Mantzoros CS. New research developments and insights from metabolism. Vol. 64, Metabolism: Clinical and Experimental. W.B. Saunders; 2015. p. 354–67.
  3. Galgani J, Ravussin E. Energy metabolism, fuel selection and body weight regulation. Vol. 32, International Journal of Obesity. 2008.