Gambe gonfie: principali cause e trattamento

Le gambe gonfie sono uno dei sintomi della ritenzione idrica. Questa può essere dovuta a delle cattive abitudini alimentari o di vita oppure ad una patologia pregressa.

Ultimo aggiornamento: 16 aprile, 2020

La ritenzione idrica è un problema molto frequente, sia tra gli atleti che tra le altre persone in generale. Di solito è associata a cattive abitudini alimentari o alla mancanza di attività fisica. A sua volta, questa condizione si manifesta per lo più con le gambe gonfie. In questo articolo, parliamo di gambe gonfie: principali cause e trattamento.

In alcuni casi, la ritenzione idrica si manifesta alle caviglie e alle ginocchia. Continuate a leggere per scoprire perché è importante prestare maggiore attenzione alle gambe gonfie a causa della ritenzione di liquidi, quali sono le cause e il possibile trattamento.

Fisiologia della ritenzione idrica

Per capire i motivi per cui può accumularsi il fluido nelle gambe, dobbiamo capire come si verifica questo accumulo. Il cuore è una pompa che pompa continuamente sangue all’albero vascolare, il quale attraversa tutto il corpo per ossigenarlo e fornirgli i nutrienti di cui ha bisogno.

Quando il sangue lascia il cuore attraverso le grandi arterie, queste hanno una parete spessa che consente loro di trasportare il sangue sotto grande pressione. Tuttavia, quando il sangue passa attraverso i capillari e raggiunge le vene, incontra dei vasi con scarsa capacità contrattile, che in più devono riportare il sangue al cuore contro la forza di gravità (tranne nel cervello).

Se circola troppo fluido a causa dell’inefficienza del cuore o del sistema venoso, il fluido si accumula nelle vene. Quando c’è un accumulo di liquido in un vaso sanguigno, il corpo prende un po’ di quel fluido e lo trasporta nei tessuti in modo che non ci sia un sovraccarico cardiovascolare. Quando questo si verifica nelle gambe, si gonfiano a causa della ritenzione. Questo fenomeno è noto come edema.

Da cosa sono causate le gambe gonfie?

Ora che sappiamo come si accumula il fluido, possiamo elencare le cause per cui si verifica questo fenomeno, specialmente nelle gambe:

  • Un fallimento nel sistema cardiovascolare può produrre la ritenzione di liquidi. Questa diventerà più evidente negli arti inferiori perché, a causa della gravità, il fluido tende a scendere ed accumularsi lì.
  • L’insufficienza cardiaca delle camere giuste del cuore provoca l’accumulo di sangue nel sistema venoso, causando l’espulsione del fluido nei tessuti da parte del corpo.
  • Un’insufficienza venale, detta anche trombosi, o del sistema linfatico, poiché è quello che raccoglie il fluido dal tessuto e lo riporta nel flusso sanguigno, si manifesta anche sotto forma di ritenzione idrica o edema alle gambe. Le vene varicose sono una manifestazione della cattiva circolazione nelle gambe. Questo fluido accumulato passerà nei tessuti e appariranno le gambe gonfie.
  • Quando ci sono poche proteine nel sangue, il corpo lo interpreta come troppo fluido in circolazione ed espelle una parte di esso nei tessuti. Le malattie che comportano la perdita di proteine ​​possono causare ritenzione idrica. Questo è il caso di alcune malattie del fegato o dei reni, come la sindrome nefrosica.
  • L’insufficienza renale è l’incapacità dei reni di filtrare correttamente il fluido dalla nostra circolazione. Pertanto, il fluido si accumula nel nostro corpo.
  • Altre cause non patologiche possono essere semplicemente dovute alle cattive abitudini. Ad esempio, uno stile di vita sedentario, una dieta troppo ricca di sale o di alimenti trasformati ci farà ritenere i fluidi.

Dobbiamo tenere presente che la maggior parte delle cause elencate sono dovute a delle patologie e che sono più frequenti nelle persone anziane a causa dell’insufficienza di alcuni organi o sistemi. Nei giovani, la ritenzione idrica è generalmente causata dalle cattive abitudini e, in linea di principio, può essere curata facilmente.

Il trattamento per le gambe gonfie

Il trattamento per le gambe gonfie avrà lo scopo di farci perdere i liquidi in eccesso dal corpo. In questo modo, il fluido accumulato nei tessuti delle gambe verrà raccolto e riportato in circolazione. Ecco alcuni modi in cui possiamo combattere questo problema:

  • È molto importante praticare esercizio fisico, poiché il liquido viene utilizzato per il metabolismo di alcuni macro nutrienti e per raffreddare il corpo quando pratichiamo delle attività intense. Infatti, lo sport è il migliore rimedio per le gambe gonfie.
  • È essenziale, soprattutto se soffriamo di una malattia cardiovascolare, ridurre al minimo il consumo di sale. Questo perché il sale aumenta la pressione sanguigna e attira l’osmosi nell’acqua. Pertanto, ci farà trattenere i liquidi.
  • Seguire una dieta equilibrata e consumare cibi di origine naturale. Bisogna cercare di evitare gli alimenti trasformati, ricchi di sale.
  • Bere molta acqua. In questo modo stimoleremo il filtraggio del liquido dai reni.
  • Se con questi accorgimenti non siete ancora riusciti a liberarvi del gonfiore alle gambe e i vostri reni sono in buone condizioni, vale la pena consultare un medico. Magari vi consiglierà un integratore alimentare con proprietà diuretiche, come l’equiseto.

Se nulla di tutto ciò è efficace perché soffrite di una patologia pregressa, bisognerà andare oltre. Sarà necessario assumere un farmaco diuretico, come la furosemide, sempre con il consiglio e il follow-up di un medico specialista.

Potrebbe interessarti ...
Fit PeopleRead it in Fit People
4 posizioni yoga estremamente benefiche che quasi nessuno utilizza

In questo articolo vi racconteremo quali sono le 4 posizioni yoga migliori, tra quelle meno utilizzate. Aggiungetele al vostro allenamento!



  • Causes and signs of edema – InformedHealth.org – NCBI Bookshelf [Internet]. [cited 2019 Oct 23]. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279409/
  • Gorman w. P, Davis KR, Donnelly R. Swollen lower limb—1: General assessment and deep vein thrombosis. BMJ. 2000 May 27;320(7247):1453–6.
  • Wright NB, Carty HML. The swollen leg and primary lymphoedema. Arch Dis Child. 1994;71(1):44–9.