Intolleranza al lattosio: sintomi e alternative

L'intolleranza al lattosio può essere lieve o grave, in base alla quantità di lattosio che la persona assume e di come il corpo è in grado di assorbirlo.
Intolleranza al lattosio: sintomi e alternative

Ultimo aggiornamento: 01 aprile, 2021

L’intolleranza al lattosio si verifica quando il corpo non riesce ad assimilare il lattosio, uno zucchero naturale presente nel latte. La causa di questa intolleranza è la carenza di un enzima chiamato lattasi, responsabile della scissione del lattosio in due zuccheri semplici durante la digestione.

Sintomi dell’intolleranza al lattosio

Ecco i sintomi che, se siete intolleranti, possono presentarsi dopo aver ingerito alimenti contenenti lattosio. Di solito, iniziano a farsi sentire tra i trenta minuti e le due ore dopo aver consumato alimenti contenenti lattosio.

  • Nausea: sensazione di malessere nello stomaco che di solito culmina nel vomito.
  • Gonfiore addominale
  • Dolore addominale
Il mal di pancia è comune nell'intolleranza al lattosio.

  • Distensione addominale: un aumento del volume dell’addome.
  • Rumori addominali (borborigmi): sono i rumori generati dal movimento dei gas attraverso l’intestino.
  • Gas: aria nel tratto digestivo.
  • Diarrea: disturbo intestinale caratterizzato da un aumento della frequenza, della fluidità e spesso del volume dei movimenti intestinali.
  • Feci maleodoranti
  • Perdita di peso

In alcuni casi, può verificarsi anche stitichezza, a causa di una diminuzione della motilità dell’intestino come risultato dei batteri produttori di metano.

Cause della carenza di lattasi

La carenza di lattasi può essere primaria – l’individuo nasce già con una propensione – o secondaria – quando l’intolleranza viene acquisita nel corso della vita a causa di problemi intestinali.

In rare occasioni, l’intolleranza al lattosio può essere presente già nei primi mesi di vita, a causa di un difetto genetico che porta il paziente a non produrre lattasi. Il bambino è intollerante al latte, che naturalmente ha più lattosio del latte di mucca, e deve essere nutrito con formule speciali senza lattosio.

L’intolleranza secondaria al lattosio si verifica in seguito a una malattia o a un intervento chirurgico intestinale. Esempi di malattie che causano carenza di lattasi sono:

  • Celiachia
  • Morbo di Crohn
  • Diarrea causata da gastroenterite virale
  • Giardiasi
  • Diabete mellito avanzato
  • Chemioterapia
  • AIDS

Diagnosi di intolleranza al lattosio

In generale, la diagnosi di intolleranza al lattosio viene fatta clinicamente e si basa sulla storia clinica e sui sintomi del paziente. Tuttavia, se il medico ritiene necessario confermare la diagnosi con test complementari, i test più utilizzati sono due:

1. Test respiratorio per studiare l’eliminazione dell’idrogeno

I pazienti con intolleranza al lattosio producono grandi quantità di idrogeno nel colon, e ne eliminano piccole quantità attraverso i polmoni. Questo test ricerca l’idrogeno nell’aria espirata dopo il consumo di lattosio.

2. Testi di intolleranza al lattosio

Dopo aver ingerito alimenti contenenti lattosio, viene misurato il glucosio nel sangue per controllare se i livelli sono elevati. Nelle persone sane, il lattosio viene scisso in glucosio e galattosio, riassorbito dall’intestino e rilasciato nel sangue.

Nei pazienti con deficit di lattasi, il corpo non digerisce questo componente e non assorbe il glucosio. I pazienti, quindi, presentano alti livelli di glucosio nel sangue.

Alternative nell’intolleranza

L’alternativa ideale dovrebbe essere un latte con diversi contenuti, sufficiente valore nutrizionale, bassa allergenicità e un buon sapore.

Donna in menopausa che beve latte.

Idrolizzati proteici

Sono prodotti tramite il calore o l’idrolisi delle proteine originali del latte di mucca. Hanno un valore nutrizionale adeguato e un gusto tollerabile.

Indicati nei casi di intolleranze e diarrea cronica:

  • Latte ad alto contenuto di idrolati:
    latte di caseina,
    latte di siero,
    latte di soia + collagene di maiale.
  • Latte poco idrolizzato:
    latte di siero,
    latte di siero + caseina.

Preparati di soia

Sono composti da proteine di soia con oli vegetali e carboidrati.

Indicati in caso di allergia alle proteine del latte di mucca.

  • Mais
  • Amido
  • Saccarosio
  • Destrinomaltosio
  • Polimeri di glucosio

Se soffrite di uno dei sintomi menzionati sopra, non esitate a consultare il vostro medico e, se siete intolleranti, scegliete altre alternative al latte. Ricordate, però, che col tempo potete provare a reintrodurre gradualmente il lattosio e diventare di nuovo tolleranti.

Potrebbe interessarti ...
Effetti delle allergie sulle prestazioni sportive
Fit PeopleLeggi in Fit People
Effetti delle allergie sulle prestazioni sportive

Se praticate sport a livello amatoriale o agonistico e volete conoscere gli effetti delle allergie sulle vostre performance, non perdetevi questo a...