Consigli per combattere l'indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata

Chi non ha sofferto di indolenzimento muscolare in qualche momento della sua vita? Vediamo cosa possiamo fare per sbarazzarcene il prima possibile.
Consigli per combattere l'indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata

Ultimo aggiornamento: 11 maggio, 2021

Sapere come combattere l’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata è abbastanza importante, poiché è una delle lesioni più frequenti. Nello specifico, si tratta di micro strappi muscolari che si verificano quando i muscoli vengono sottoposti ad uno sforzo eccessivo per i quali non sono preparati.

Non è un infortunio grave, ma ci terrà lontani dal nostro sport preferito per diversi giorni, perché il tessuto è danneggiato. È importante evitare di allenarsi, perché altrimenti la lesione potrebbe aggravarsi e potrebbero rompersi le fibre muscolari più grandi.

Prevenire l”indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata, per quanto possibile

Il primo consiglio per combattere l’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata è… non doverle combattere. Come abbiamo detto, si tratta di micro-lacerazioni che si verificano nel tessuto muscolare a causa di uno sforzo eccessivo.

Pertanto, è importante aumentare gradualmente il carico e l’intensità dello sport. È inutile superare i nostri limiti se in seguito avremo il muscolo indebolito per una settimana.

È meglio conoscere bene il proprio corpo e regolare di conseguenza l’intensità e la durata dell’allenamento. Nel caso in cui abbiamo appena iniziato a praticare uno sport, durante i primi giorni dobbiamo prepararci a sentire dolore perché il corpo ci farà male prima di abituarsi.

Consigli per combattere l”indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata

 

Dolore alla schiena.

Successivamente, elencheremo una serie di azioni che possono aiutarci ad alleviare il dolore dopo aver sofferto di indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata.

1. Scegliere un esercizio ad intensità moderata

Anche se non sembra del tutto logico, se soffriamo di indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata, una delle cose che ha dimostrato di avere i migliori effetti è dare ai muscoli degli stimoli delicati, come afferma uno studio pubblicato su Sports Medicine. Se abbiamo le gambe doloranti, è utile fare una passeggiata; se ci fanno male le braccia, è bene fare un po’ di esercizio aerobico.

Il motivo è che aumentando il flusso sanguigno nell’area, aiuteremo il muscolo a ricostituirsi. D’altra parte, aiuteremo anche le nuove fibre a funzionare correttamente e a sostenerci per il prossimo esercizio.

In terzo luogo, l’esercizio fisico ad intensità moderata favorisce il rilassamento muscolare. Come vedremo nel prossimo suggerimento, i muscoli danneggiati saranno tesi. Sottoponendoli ad un ciclo delicato di contrazione e rilassamento, tenderanno a tornare al loro stato naturale, senza quella contrazione di base che aggiunge dolore al micro-strappo.

2. I massaggi

I massaggi sono un ottimo modo per rilassare i muscoli dopo il micro-strappo. Un paio di massaggi al giorno sulla zona interessata saranno di grande aiuto.

L’intensità non deve essere alta, ma dobbiamo applicare una forza sufficiente per raggiungere il muscolo. Meglio se il massaggio viene realizzato da un professionista, ma in caso contrario è importante iniziare molto dolcemente e aumentare gradualmente l’intensità.

3. Riposarsi a sufficienza

Sebbene sia consigliabile fare un po’ di esercizio leggero, il resto del tempo dobbiamo riposare. È importante dare al corpo il tempo di riprendersi e consentire alle nuove fibre di formarsi ed essere preparate.

Come abbiamo detto, se non ci riposiamo abbastanza o se cerchiamo di fare un esercizio ad intensità moderata senza esserci ripresi del tutto, rischiamo di peggiorare le condizioni dell’infortunio. Immaginate un pezzo di carta: spezzarlo in 2 richiederà un certo sforzo, ma se ha già un piccolo strappo, sarà molto più facile.

4. L’importanza della dieta

Anche il cibo è in grado di favorire una pronta guarigione. Da un lato, gli alimenti ricchi di polifenoli aiutano a ridurre l’infiammazione e hanno un effetto antiossidante. Tra gli alimenti che contengono quantità significative di queste sostanze ci sono le lenticchie, i fagioli, la soia, le cipolle e i pomodori.

Pollo con aglio e pomodoro.

D’altra parte, gli alimenti che contengono taurina aiuteranno ad alleviare il dolore causato dall’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata. Questo gruppo include la carne di pollo, quella di maiale, le uova e i latticini.

Spezie come la curcuma hanno dimostrato di avere entrambi gli effetti, secondo uno studio pubblicato dall’European Journal of Applied Physiology.

Vale la pena confermare anche qualcosa che sicuramente immaginate: l’acqua zuccherata non aiuta. Non ci sono studi che dimostrano che il classico rimedio della nonna sia efficace. Può avere un sapore molto buono, ma non ha proprietà curative.

È opportuno assumere dei farmaci antinfiammatori?

Infine, dobbiamo chiarire che è consigliabile assumere dei farmaci antinfiammatori solo in caso di dolore molto forte e di limitazione grave dei movimenti. Cioè, nel caso in cui le fibre che sono state danneggiate provocano forti dolori e ci impediscono di muoverci per realizzare le nostre attività quotidiane.

Se si tratta di semplice malessere, è preferibile non assumere farmaci; ma se lo riteniamo necessario, ricorrere ad un antidolorifico potrebbe essere un’alternativa. Tenete presente, tuttavia, che la prevenzione è sempre la misura più consigliata.

Potrebbe interessarti ...
I principali infortuni sportivi al ginocchio
Fit PeopleLeggilo in Fit People
I principali infortuni sportivi al ginocchio

Tra i principali infortuni sportivi al ginocchio ci sono la frattura del menisco, la distorsione e l'infiammazione dei legamenti crociati.



  • L. Nicol, D. Rowlands, R. Fazakerly et al. Curcumin supplementation likely attenuates delayed onset muscle soreness (DOMS). European Journal of Applied Physiology, volume 115, pages1769–1777 (2015).
  • K. Cheung, P. Hume y L. Maxwell. Delayed Onset Muscle Soreness. Sports Medicine, volume 33, pages145–164 (2003).
  • P. Lewis, D. Ruby y C. Bush. Muscle Soreness and Delayed-Onset Muscle Soreness. Clinics in Sports Medicine. volume 31, issue 2, P255-262 (2012)