Gli effetti della disidratazione sull'organismo

Una riduzione dell'1% dell'idratazione corporea può causare cali nelle prestazioni sportive fino al 14%. In quale altro modo può influire la disidratazione?
Gli effetti della disidratazione sull'organismo

Ultimo aggiornamento: 07 ottobre, 2020

Gli effetti della disidratazione possono essere fatali per l’organismo. Tuttavia, prima di raggiungere queste conseguenze così estreme, ci sono una serie di sintomi ed effetti che vale la pena conoscere.

Il mantenimento di un adeguato stato di idratazione è essenziale per l’individuo. In questo senso, sia gli anziani che gli atleti di resistenza dovrebbero fare esercizio fisico con estrema cautela, poiché sono più inclini alla disidratazione. Scopriamo gli effetti della disidratazione sull’organismo in questo articolo.

La disidratazione arriva prima della sete

Soprattutto tra gli sportivi, il meccanismo della sete si attiva quando si è già verificato uno squilibrio idrico. Una perdita dell’1% dell’acqua corporea può portare a una riduzione delle prestazioni del 14%. Per questo motivo è molto importante mantenersi ben idratati durante l’esercizio fisico.

Secondo uno studio recente, è essenziale stabilire un’adeguata strategia di idratazione prima, durante e dopo lo sport. Un modo per garantire la sostituzione dei liquidi può essere quello di bere 200 ml di acqua fresca ogni 30 minuti di esercizio.

La perdita di acqua corporea può causare crampi

Una delle cause della comparsa di crampi muscolari è uno squilibrio elettrolitico. Un altro può essere la disidratazione.

La perdita di acqua corporea durante l’esercizio fisico può causare dolori muscolari e lesioni. Per questo motivo è fondamentale mantenersi ben idratati, soprattutto quando la temperatura e l’umidità all’esterno sono elevate.


La strategia più appropriata per la prevenzione di questo tipo di disturbi è l’assunzione di bevande sportive che contengono principalmente acqua e sali minerali. In questo modo viene garantito anche l’apporto di elettroliti, che può aiutare a ridurre l’incidenza dei crampi muscolari.

Vertigini, uno dei possibili effetti della disidratazione

Una delle conseguenze caratteristiche della disidratazione sull’organismo sono le vertigini. Quando si perde il 3% o il 4% dell’acqua corporea totale, può verificarsi una diminuzione del volume del sangue nel corpo, causando un deficit nella distribuzione dei nutrienti a livello cellulare. Questa situazione può anche portare a delle inefficienze a livello organico che possono mettere a rischio la salute.

Infatti, se la disidratazione aumenta, la sudorazione diminuisce, in modo che l’organismo risparmi più liquidi possibile. Non è un caso che i colpi di calore associati all’assenza di sudore siano i peggiori.

Mangiare frutta e verdura per prevenire la disidratazione

Quando si segue un corretto schema di idratazione, bisogna tenere conto dell’acqua fornita da alcuni alimenti. Le verdure sono per lo più costituite da acqua: per questo motivo includerne una buona parte nella dieta riduce il rischio di complicazioni legate allo squilibrio idrico.

Mangiare regolarmente frutta come il melone o l’anguria può favorire lo stato di idratazione dell’organismo. Questi cibi sono tipici dei periodi estivi, quindi bisogna mangiarli quando fa caldo. In questo modo garantiremo l’assunzione giornaliera di acqua e il fabbisogno di liquidi.

D’altra parte, un gesto semplice come bere tanta acqua è essenziale. Oggi le bibite zuccherate sono molto diffuse ma, nonostante il loro potere rinfrescante, non hanno la stessa capacità dell’acqua di migliorare lo stato di idratazione dell’organismo. Inoltre, contengono zuccheri e dolcificanti, che sono dannosi per la salute.

Quindi le bibite devono essere consumate occasionalmente, ma l’acqua deve comparire quotidianamente nella dieta. Pensate che per una corretta idratazione dovremmo bere almeno due litri d’acqua al giorno.

Rischi e pericoli per la salute

Ricordate che la disidratazione può mettere a serio rischio la vostra salute. Pertanto, è essenziale bere acqua fresca regolarmente.

Naturalmente, il consumo di acqua dovrebbe aumentare durante l’attività sportiva. Ciò ridurrà il rischio di dolori muscolari e crampi, nonché altri gravi problemi di salute.

Inoltre, non dimenticate di includere frutta e verdura nella vostra dieta. Il loro alto contenuto di acqua è perfetto per assicurare l’idratazione quotidiana all’organismo. Per concludere, è bene bere tanta acqua ogni giorno e non sostituirla mai con le bibite zuccherate.

Potrebbe interessarti ...
Fit PeopleRead it in Fit People
Gli integratori alimentari per la corsa

gli integratori per alimentare la corsa sono molto importanti per essere sempre idratati ed evitare crampi e dolori alle articolazioni.



  • Mar Bibiloni M., Vidal Garcia E., Carrasco M., Julibert A., et al., Hydration habits before, during and after training and competition days among amateur basketball players. Nutr Hosp, 2018. 35 (3): 612-619.
  • Young G., Leg Cramps, BMJ Clin Evid, 2015.