La proteinuria da esercizio fisico intenso

19 novembre, 2020
La proteinuria dovuta all'esercizio fisico intenso consiste in un aumento della percentuale di proteine ​​nelle urine degli atleti. Questo argomento è stato studiato decenni fa, ma è ancora oggetto di indagine. Scoprite di più in questo articolo.

Quando la concentrazione di proteine ​​nelle urine di un atleta aumenta, siamo di fronte a un caso di proteinuria. È un fenomeno temporaneo e transitorio che è stato rilevato più di un secolo fa in medicina. Cosa dovremmo sapere al riguardo?

Le proteine ​​nell’urina dell’atleta scompaiono dopo uno o due giorni e l’effetto è benigno. In generale, non porta a complicazioni o disturbi renali gravi.

Già nel 1878 fu raggiunto il primo record di proteinuria dovuto ad un intenso esercizio fisico. Non si verificò tra gli atleti, ma in un gruppo di soldati analizzati durante una giornata di allenamento. Successivamente, le indagini scientifiche sono continuate, poiché non era chiaro se ci fossero o meno dei danni ai reni.

Le ipotesi sono cambiate nel corso della storia. Mentre alcuni medici pensavano che la proteinuria da esercizio fisico intenso fosse una lesione, altri sostenevano che fosse soltanto un cambiamento nella pressione sanguigna a causarlo. Ad oggi, l’origine esatta non è ancora chiara. Cerchiamo di capire in cosa consiste la proteinuria da esercizio fisico intenso.

Perché la proteinuria è causata dall’esercizio fisico intenso?

Lo sport comporta dei cambiamenti nel metabolismo e di conseguenza a livello del sangue. Questi cambiamenti temporanei includono la comparsa di proteinuria a causa di un intenso esercizio fisico.

Le proteine ​​che vengono rilevate nelle urine degli atleti, in senso stretto, non differiscono da quelle che si trovano in alcuni pazienti con problemi renali. Ciò non significa che il fenomeno sia patologico tra gli atleti, ma piuttosto che le sostanze evacuate siano le stesse.

Analisi delle urine in laboratorio.

Il flusso sanguigno, quando ci alleniamo con intensità, cambia direzione per distribuirsi verso le zone del corpo che ne hanno più bisogno. Invece di rifornire regolarmente tutti gli organi, durante l’esercizio fisico si dirige maggiormente verso i muscoli, e questo porta a una riduzione del volume di urina. Lo riferisce uno studio pubblicato da Biology of Sport.

La minore quantità di sangue da filtrare nei glomeruli renali altera il sistema renina-angiotensina, coinvolto nella pressione sanguigna. Inoltre, lo sport stimola l’attività del sistema nervoso simpatico, mediata dalla noradrenalina.

In poche parole, c’è un volume minore di urina, mentre la pressione sanguigna locale è più alta e ha un effetto simpatico. Questo si traduce in una sorta di “imbuto” renale attraverso il quale le proteine sono costrette a passare attraverso il filtro e ad uscire.

L’effetto è quasi immediato: inizia 30 minuti dopo l’inizio dell’attività sportiva. L’intensità dello sport è più decisiva del tempo, quindi si presume che chi pratica sport come il pugilato o il calcio abbiano più probabilità di soffrire di proteinuria dovuta all’esercizio fisico rispetto agli altri atleti.

Il ruolo del cilindruria

La cilindruria è un tipo speciale di proteinuria dovuta all’esercizio fisico intenso. I cilindri sono mucoproteine ​​che possono fuoriuscire attraverso il filtro renale e apparire nelle urine degli atleti. Un altro nome più tecnico è quello delle mucroproteine ​​di Tamm-Horsfall.

In particolare, i maratoneti e i corridori hanno una presenza maggiore di “cilindri” nell’urina. Questo sarebbe correlato all’arresto del flusso urinario per lunghi periodi di tempo, che costringerebbe alcune proteine ​​a passare attraverso il filtro renale, cambiando la sua forma in quella dei cilindri.

Anche la disidratazione è un fattore scatenante ed è per questo che è associata ai maratoneti che non pianificano correttamente la sostituzione dei liquidi. Tuttavia, questi cilindri non sono un rischio, ma un segnale che stanno avvenendo altri cambiamenti fisiologici.

Sport ad alto impatto e proteinuria

La prima ipotesi di trauma sportivo minore alla base della proteinuria da esercizio fisico intenso non deve essere ignorata. Ricordiamo che la boxe è una delle discipline che più presenta questo effetto.

Inoltre, la proteinuria, comune negli atleti esposti a traumi e lesioni, spesso viene accompagnata da ematuria, cioè sangue nelle urine. Pensate che, quando in un test delle urine emergono entrambi i risultati, si parla di “rene dell’atleta”.

Allenamento di boxe.

Questa condizione non è accompagnata da dolore e il sangue che viene rilevato è microscopico, quindi la persona può vedere solo un oscuramento delle urine e nient’altro. Inoltre non ci sono alterazioni nel volume delle urine.

Se l’atleta soffre di alterazioni congenite della via renale, sarà più probabile che presenti proteinuria a causa di un trauma. Ad ogni modo, ciò non significa che ci siano danni permanenti all’organo. Infatti, nel caso della proteinuria, i risultati sono generalmente temporanei e benigni.

Bisogna preoccuparsi?

Se la presenza di proteine ​​è stata rilevata nelle urine dopo l’esercizio fisico e poi l’atleta viene monitorato dopo 48 ore e la proteinuria è sparita, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Tuttavia, si consiglia di rivedere il piano di idratazione a seconda dello sport, niente di più.

Se invece la proteinuria è persistente, non scompare o aumenta di concentrazione nel corso dei giorni, il medico richiederà ulteriori studi. In questi casi è meglio risalire alla causa, che molto probabilmente non è legata allo sport.

  • Garatachea Vallejo, Nuria, et al. Manual de prácticas de fundamentos fisiológicos de la actividad física y del deporte. Vol. 271. Prensas de la Universidad de Zaragoza, 2017.
  • Cavagnaro, S. M. Riñón y deportes. Revista chilena de pediatría 77.2 (2006): 185-188.
  • Olmos, Cristina V., Marcelo L. Juncos, and Gabriel F. Olmos. Proteinuria Pre y Pos Ejercicio de Variable Intensidad en Adultos Jóvenes Sanos. PubliCE Standard (2004).
  • Wołyniec, Wojciech, et al. Factors influencing post-exercise proteinuria after marathon and ultramarathon races. Biology of Sport 37.1 (2020): 33.
  • de los Ríos, Jesús Egido, and Jorge Enrique Rojas Rivera. Protocolo diagnóstico de leucocituria y cilindruria. Medicine: Programa de Formación Médica Continuada Acreditado 10.82 (2011): 5590-5591.
  • Sanavi, Suzan, and Mohammad-Ali Kohanpour. Sport related proteinuria. Saudi Journal of Sports Medicine 13.2 (2013): 57.
  • Girona, MC Tauler. Hematuria, proteinuria: actitud diagnóstica. Pediatría integral 17.6 (2013): 412-421.