Le lesioni più frequenti alla cuffia dei rotatori: attenzione!

16 febbraio, 2020
La cuffia dei rotatori è una struttura anatomica situata sulla spalla. In questo articolo vedremo quali sono le lesioni più comuni.

Negli sport che richiedono maggiore sforzo del treno superiore, la spalla è di solito una delle articolazioni più vulnerabili agli infortuni. In questo articolo parleremo delle lesioni più frequenti che si verificano nella cuffia dei rotatori.

La cuffia dei rotatori: da cosa è composta?

La spalla è l’articolazione più mobile del nostro corpo. Tuttavia, questa grande mobilità comporta una grande instabilità: alcune strutture, se non funzionano correttamente, possono subire lesioni più facilmente.

Il muscolo principale della spalla è il deltoide. Nella parte posteriore troviamo la struttura nota come cuffia dei rotatori. Si chiama così perché è composta dai muscoli che sono responsabili della rotazione della spalla, sia internamente che esternamente. Questi muscoli sono i seguenti:

  • Sovraspinato: ha origine nella scapola ed è inserito nella grande tuberosità omerale, cioè dell’osso più grande del nostro braccio, l’omero.
  • Sottospinato: muscolo più grande e posteriore, il cui tendine si inserisce sul tubercolo maggiore dell’omero. È un rotatore esterno.
  • Piccolo rotondo: è un muscolo più piccolo dei precedenti. Ha la stessa origine e lo stesso inserimento del sottospinato e come lui gestisce la rotazione esterna.
  • Sottoscapolare: questo è l’unico che si trova nella parte anteriore. Ha origine nella fossa sottoscapolare e viene inserito nel tubercolo più piccolo dell’omero. Questo muscolo è l’unico rotatore interno della cuffia dei rotatori.
dolore alla spalla


Lesioni più comuni alla cuffia dei rotatori

In questa sezione vedremo quali sono le lesioni più comuni che si verificano in questa struttura anatomica. Tuttavia, prima di elencarli, vale la pena sottolineare una cosa molto importante.

Tendinite della cuffia dei rotatori

Si leggono spesso queste quattro parole nei referti medici. Tuttavia, è opportuno chiarire che si tratta di una terminologia errata e obsoleta.

Il suffisso “-ite” indica un’infiammazione in una determinata regione; se parliamo di tendinite, facciamo riferimento all’infiammazione del tendine, ma affinché esista l’infiammazione è essenziale che ci siano delle strutture vascolari.

Il tendine non le possiede, quindi non è una struttura che può essere infiammata. Al contrario, è corretto parlare di tendinosi o tendinopatia, poiché ciò che può davvero essere infiammato sono le strutture adiacenti al tendine.

Tendinopatia o tendinosi

Come abbiamo detto in precedenza, il termine corretto per indicare il coinvolgimento dei tendini della cuffia dei rotatori è tendinopatia. Molto spesso sono interessati il tendine sovraspinato o le sue strutture adiacenti, come il tessuto muscolare stesso.

Questa lesione è causata da movimenti ripetitivi effettuati con i pesi. È molto comune in alcuni sport o nell’allenamenti cardio. La lesione al tendine di solito produce una sintomatologia simile. Spesso, dopo il sovraspinato, i muscoli maggiormente feriti sono il sottospinato e il piccolo rotondo.

Uomo con dolore alla spalla

Il trattamento di solito è il riposo e l’assunzione di antinfiammatori, per via orale o con iniezione. In alcuni casi, potrebbe essere necessario anche un intervento chirurgico. Sono inoltre indicate la riabilitazione attiva attraverso la fisioterapia e il rilassamento dei muscoli con l’agopuntura.

Rottura

La rottura muscolare o del tendine di uno dei quattro muscoli della cuffia dei rotatori è la patologia più grave. Di solito si verifica quando in precedenza si era già verificata l’usura di uno qualsiasi dei muscoli o tendini.

In caso di tendinopatia, è molto importante riconoscere che qualcosa non va e smettere di allenarsi, poiché ciò può inevitabilmente portare alla rottura totale o parziale del tendine o del muscolo.

Il trattamento previsto di solito è di tipo chirurgico. È possibile seguire un trattamento di fisioterapia, ma non tornerete mai alla mobilità completa, soprattutto per quanto riguarda i movimenti che comportano l’elevazione del braccio. La fisioterapia è indicata solo per le persone anziane che non eseguono più grandi sforzi fisici o quando l’intervento chirurgico presenta più rischi che benefici.

  • McCreesh, K. M., Purtill, H., Donnelly, A. E., & Lewis, J. S. (2017). Increased supraspinatus tendon thickness following fatigue loading in rotator cuff tendinopathy: potential implications for exercise therapy. BMJ Open Sport & Exercise Medicine, 3(1), e000279. https://doi.org/10.1136/bmjsem-2017-000279
  • Littlewood, C., Ashton, J., Chance-Larsen, K., May, S., & Sturrock, B. (2012). Exercise for rotator cuff tendinopathy: a systematic review. Physiotherapy, 98(2), 101–109. https://doi.org/10.1016/j.physio.2011.08.002
  • Varacallo, M., & Mair, S. D. (2019). Rotator Cuff Syndrome. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK531506/
  • Spargoli, G. (2019). TREATMENT OF ROTATOR CUFF TENDINOPATHY AS A CONTRACTILE DYSFUNCTION. A CLINICAL COMMENTARY. International Journal of Sports Physical Therapy, 14(1), 148–158. Retrieved from http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30746301