4 consigli per affrontare emotivamente un infortunio

Nel processo di recupero dopo un infortunio, è parimenti importante prendersi cura delle condizioni fisiche quanto di quelle mentali. Solo in questo modo potremo garantire che il ritorno all'attività fisica avvenga allo stesso livello di prima.

Ultimo aggiornamento: 01 febbraio, 2021

Tutti gli atleti devono essere dotati di abilità che permettano loro di affrontare emotivamente a un infortunio. Subire un infortunio è un ostacolo che la maggior parte delle persone che praticano sport attraversano prima o poi, ma solo chi è mentalmente forte lo supera con successo.

Le lesioni possono comparire in qualsiasi momento. Molte possono essere causati da incidenti o da tecniche di gioco, ma in altre c’è una grande componente di responsabilità dell’atleta, come quando non esegue un adeguato riscaldamento.

Indipendentemente dall’origine dell’infortunio, gli atleti devono avere le capacità e le risorse necessarie per affrontarlo. Contrariamente a quanto si possa pensare, il processo riabilitativo è un percorso attivo e richiede l’impegno dell’atleta. I professionisti insegnano gli esercizi, ma è l’atleta che deve applicarli ed essere costante.

Il recupero è di vitale importanza affinché l’atleta torni ad allenarsi e che non si verifichi un calo delle prestazioni. Ecco alcuni consigli per affrontare emotivamente un infortunio.

Non cercare colpevoli, solo soluzioni

Dopo aver subito un infortunio, è normale che l’atleta provi emozioni negative come rabbia o frustrazione. Tuttavia, quelle emozioni, col tempo, non fanno altro che danneggiare e rallentare il recupero.

Trovare dei colpevoli è un modo per sfogare la rabbia, ma in pratica non ci offre nulla che possa tornarci utile. Inoltre, spesso gli infortuni si verificano accidentalmente, quindi in questo caso cercare un colpevole è totalmente inutile.

Il focus dell’attenzione deve essere diretto verso la ricerca di soluzioni e alternative che siano positive per la riabilitazione. L’atteggiamento dell’atleta deve essere ottimista:  bisogna cercare di guardare al futuro e buttarsi alle spalle il passato.

Stabilire degli obiettivi per affrontare emotivamente un infortunio

Mantenere alta la motivazione è estremamente importante durante la riabilitazione. Un atleta motivato sarà più impegnato nel processo e si avvicinerà al superamento della lesione con un atteggiamento positivo.

Allo stesso modo in cui durante l’allenamento bisogna fissare degli obiettivi per aumentare la motivazione, nel caso del recupero è lo stesso. I modelli psicologici di recupero dagli infortuni discussi in uno studio pubblicato dal Journal of Sports Psychology concordano sul fatto che la definizione degli obiettivi è una tecnica fondamentale.

Gli obiettivi stabiliti devono essere raggiunti con l’aiuto dei professionisti coinvolti nel processo. Inoltre, devono essere flessibili e consentire degli adattamenti man mano che il processo si evolve. Quando si tratta di riprendersi da un infortunio, è meglio procedere lentamente ma in modo costante.

Informarsi sugli infortuni e sulla riabilitazione

In caso di infortunio, è normale avere un forte bisogno di sapere cosa sta succedendo. Al contrario, l’incertezza o la mancanza di informazioni genera malessere e ansia.

Ottenere informazioni sull’infortunio e sul processo di recupero è un modo realistico e funzionale di affrontare la situazione. Agli specialisti bisogna chiedere il tipo, la gravità, la prognosi e le alternative di trattamento.

D’altra parte, è anche meglio evitare un eccesso di informazioni e dettagli non rilevanti per il recupero. Sia la mancanza che l’eccesso di informazioni confondono l’atleta e gli impediscono di affrontare emotivamente l’infortunio.

Cercare sostegno per affrontare emotivamente un infortunio

Tutti gli atleti, anche se non sono consapevoli, hanno delle strategie per affrontare determinate situazioni. Questi non sono altro che il modo in cui ogni persona risolve le situazioni difficili nella vita.

Sebbene ci siano molti modi per affrontare i problemi, non tutti sono efficaci e utili allo stesso modo. Evitare il problema o farsi prendere dalla rabbia non aiutano mentalmente a far fronte a un infortunio. Al contrario, la ricerca di sostegno, l’apertura e la fiducia negli altri è una strategia efficace.

Secondo uno studio condotto dai professionisti dell’Università Autonoma di Barcellona, ​​se un atleta si sente più supportato, il livello di stress percepito è inferiore. Ciò influenza positivamente il recupero, ma aiuta anche a prevenire gli infortuni in futuro.

Gli infortuni non fermano la voglia di tornare a fare sport

È un dato di fatto che subire un infortunio non è una situazione piacevole per nessun atleta, ma è possibile imparare da essa e tornare più forti di prima.

Il processo di recupero richiede un grande coordinamento tra i professionisti dello sport e il paziente. Ognuno contribuisce con la propria disciplina a fornire informazioni molto preziose, per dare una visione globale e completa del processo.

Infine, l’atleta è il protagonista della riabilitazione. Come accennato in precedenza, questa è un processo attivo che avrà successo solo se l’atleta è pienamente coinvolto e fa uno sforzo.

Potrebbe interessarti ...
Fit PeopleRead it in Fit People
Fasi di recupero dopo un infortunio

Le fasi di recupero dopo un infortunio comprendono una fase fisica e una psicologica. Quest'ultima è molto importante e non deve essere sottovalutata.



  • Montero, F. J. O., Tenza, E. O., Cano, L. A., Hernández, J. G., y Vera, P. J. (2014). Influencia de la lesión en la vida deportiva y personal del deportista, y propuestas de intervención. Revista de Psicología del Deporte, 23(2), 465-471.
  • Olmedilla Zafra, A., García Montalvo, C., y Martínez Sánchez, F. (2006). Factores psicológicos vulnerabilidad a las lesiones deportivas: un estudio futbolistas. Revista de psicología del Deporte, 15(1), 37-52.