L'importanza della comunicazione nello sport

10 gennaio, 2020
La comunicazione è un'abilità che trascende tutte le sfere dell'attività umana. Quando un gruppo di persone lotta per determinati obiettivi, diventa particolarmente importante.
 

L’importanza della comunicazione nello sport spesso non attira l’attenzione quando si parla di metodologia. Tuttavia, una squadra con una buona comunicazione di solito ottiene maggiore successo. Cosa implica l’importanza della comunicazione nello sport? Come viene raggiunta?

Innanzitutto, è necessario chiarire che la comunicazione come metodo di contatto e di interazione tra gli umani trascende lo sport. La capacità di comunicare a livelli complessi attraverso il linguaggio e altri canali è da sempre la base per lo sviluppo della società umana.

La comunicazione consente lo sviluppo, la cooperazione e la collaborazione tra le persone. Come nella storia della Torre di Babele, quando gli esseri umani non possono comunicare, non possono raggiungere i loro obiettivi.

L’importanza della comunicazione nello sport

Lo sport, in quanto attività umana, ha bisogno della comunicazione. Essa è necessaria per comprendere le regole del gioco, lavorare in gruppo o interagire con gli avversari e il pubblico, sia parlando, con i segni o attraverso gesti. La comunicazione è particolarmente importante per quanto riguarda:

  • Formazione: lavorare con istruttori, allenatori e personale di coaching richiede una buona comunicazione. Precisamente, è considerata “buona” quando è fluida e chi la riceve percepisce correttamente il messaggio.
  • Giochi e strategie: principalmente tra partner, gli atleti devono capirsi molto bene sul campo da gioco. Capire cosa farà l’altro attraverso uno sguardo, un gesto o una frase a distanza è essenziale.
 

Cos’è la comunicazione?

La comunicazione si ottiene quando un mittente invia un messaggio a un destinatario attraverso un canale, che può essere linguistico o paralinguistico. Tuttavia, la comunicazione non è mai chiara, concisa e diretta, ma spesso ci sono varie interferenze.

Squadra rugby femminile

Nello sport, queste interferenze sono particolarmente rilevanti ed è della massima importanza che gli atleti acquisiscano la capacità di superarle. Tra le principali, possiamo evidenziare:

  • Ambienti saturi di rumore: gli scenari in cui si svolgono di solito le attività sportive sono pieni di rumori provenienti dai fan, il che può rendere difficile la comunicazione tra i partecipanti.
  • Presenza di avversari: molte volte i messaggi devono essere crittografati, il che si ottiene quando i membri del team si capiscono molto bene.
  • Ruoli multipli: in una squadra possono esserci molti partecipanti e, a loro volta, molti ruoli. Se la comunicazione non è ben strutturata, questo può essere un problema.

Comunicazione assertiva: fondamentale nello sport

A livello psicologico, la comunicazione è il pilastro che fa in modo che i membri del team possano svolgere i propri compiti secondo determinate linee guida. Una comunicazione di tipo verticale e di comando da parte degli allenatori potrebbe rendere chiare le linee guida, ma queste potrebbero non essere assertive perché mancano di bidirezionalità.

 

La comunicazione assertiva si ottiene quando un atleta, oltre a ricevere ordini strategici, fa parte del processo in cui queste decisioni vengono sviluppate. Quando un atleta si sente parte di un progetto, significa che qualcuno lo ascolta, che ha una voce all’interno della squadra.

Un atleta deve sentirsi riconosciuto per qualcosa di più delle sue capacità sportive. Pertanto, maggiore è la partecipazione al processo di comunicazione, migliori saranno le prestazioni personali e di squadra.

Il ruolo dell’allenatore

Gli allenatori, oltre ad essere un punto di riferimento, sono coloro i quali insegnano le linee guida operative alla squadra. Quindi, dare vita ad una comunicazione di tipo assertivo dipenderà principalmente dallo stile di comunicazione dell’allenatore. Alcuni suggerimenti potrebbero essere i seguenti:

  • Essere chiari e concisi: non è necessario lasciare gli aspetti relativi al gioco aperti all’interpretazione. Si dovrebbe cercare di essere chiari nelle idee, nei concetti e nel modo in cui sono trasmessi.
  • Essere diretti: la comunicazione tramite terze parti non è la più assertiva e di solito genera l’effetto di un filo del telefono rotto.
  • Usare diverse risorse: la comunicazione non è sempre parlata, un allenatore deve gesticolare, scrivere, disegnare e usare tutti i mezzi a sua disposizione per trasmettere le sue idee.
  • Consentire l’inclusione: un allenatore deve ascoltare l’opinione dei suoi atleti senza interferire troppo nelle loro idee di gioco. Quindi, è necessario stabilire una comunicazione a due vie, in cui il feedback è lo strumento attraverso il quale si ricevono i bisogni e le emozioni degli atleti.
 

 

Allenare bambini

  • Essere convincenti: essere carismatici dipende dalla comunicazione assertiva. Se gli atleti si fidano del loro allenatore e comprendono il modo in cui trasmette loro le cose, sarà più facile convincerli che possono raggiungere determinati obiettivi.

Feedback: un aspetto chiave per la comunicazione nello sport

Quando il messaggio muore nel ricevitore senza ricevere una risposta, c’è un problema di comunicazione. Il feedback è la base di una comunicazione basata sul raggiungimento di obiettivi sportivi.

Si potrebbe dire che si tratta di un meccanismo che fa sì che i membri di una squadra, a qualsiasi livello, ricevano una valutazione delle prestazioni e possano anche emetterla. Questo è valido sia per gli atleti che per gli allenatori.

Quando assistiamo ad un evidente conflitto tra gli atleti della stessa squadra o con i loro allenatori, significa che i mezzi corrispondenti non sono stati utilizzati in modo adeguato. Da qui l’importanza di utilizzare un meccanismo di comunicazione assertivo, in cui tutti i membri di una squadra possano esprimere le proprie opinioni e risolvere i conflitti negli ambienti corrispondenti.

 

Sebbene a molti possano non sembrare così indispensabili, tutti gli aspetti legati alla comunicazione nello sport si rifletteranno direttamente sul campo di gioco. È sempre positivo prenderli in considerazione e metterli in pratica!

  • Aicart, L. M., Fernández, I. C., López-Walle, J., & Solá, I. B. (2017). Controlling coach style, basic psychological need thwarting and ill-being in soccer players. Revista de Psicologia del Deporte, 26(4), 119-124.
  • García-Angulo, A., García-Angulo, F. J., Torres-Luque, G., & Ortega-Toro, E. (2019). Applying the new teaching methodologies in youth football players: Toward a healthier sport. Frontiers in Physiology, 10(FEB). https://doi.org/10.3389/fphys.2019.00121
  • Torrado, J., Arce, C., Vales-Vázquez, Á., Areces, A., Iglesias, G., Valle, I., & Patiño, G. (2017). Relationship between Leadership among Peers and Burnout in Sports Teams. The Spanish Journal of Psychology, 20, E21. https://doi.org/10.1017/sjp.2017.18