Chi sono i Partecipanti Olimpici Indipendenti?

22 ottobre, 2020
I Partecipanti Olimpici Indipendenti, come suggerisce il nome, sono gli atleti che per diversi motivi non rappresentano il loro paese di origine.

Gli atleti di diverse nazionalità i cui paesi non sono riconosciuti o sono stati sanzionati per motivi diversi sono conosciuti come Partecipanti Olimpici Indipendenti. Ne parliamo in questo articolo.

Partecipanti Olimpici Indipendenti: perché ci sono?

La squadra formata dai Partecipanti Olimpici Indipendenti è stata istituita per la prima volta durante le Olimpiadi di Barcellona del 1992. Tuttavia, ci sono stati anche degli antecedenti non ufficiali. Ad esempio, alcuni atleti con nazionalità mista parteciparono ai Giochi Olimpici Intermedi del 1906.

Alle Olimpiadi Invernali del 1940 – sospese dalla seconda guerra mondiale i tedeschi non riconobbero la Cecoslovacchia come paese, ma i loro atleti poterono competere sotto la bandiera olimpica.

Durante la guerra fredda, alcuni atleti provenienti da paesi comunisti europei che erano emigrati non furono ammessi ai Giochi Olimpici, perché i rispettivi comitati nazionali non li accettavano.

Nel 1976, lo sprinter della Guyana – un paese che si era unito al boicottaggio delle Olimpiadi di Montreal – James Gilkes chiese al Comitato Olimpico Internazionale di poter gareggiare come partecipante olimpico indipendente, ma la sua richiesta venne respinta.

Il COI iniziò a parlare di Partecipanti Olimpici Indipendenti durante le Olimpiadi di Mosca del 1980, quando gli atleti di 14 paesi diversi gareggiarono sotto la bandiera olimpica.

Il tiro a segno è uno dei test del pentathlon moderno.


Barcellona 1992

Questa edizione è stata la prima a cui i Partecipanti Olimpici Indipendenti sono stati autorizzati a partecipare ufficialmente senza rappresentare il loro paese.

Da quel momento in poi vennero chiamati Partecipanti Olimpici indipendenti (IOP). Si presentarono atleti originari della Jugoslavia (un paese sanzionato dalle Nazioni Unite per le guerre jugoslave) e della Macedonia.

Dei 58 atleti di questo gruppo, tre di loro vinsero delle medaglie, tutti nelle gare di tiro a segno: Jasna Sekaric ha preso un argento in 10 metri con un Rifle, Aranka Binder un bronzo sui 10 metri e Stevan Pletikosic un altro bronzo nei 50 metri.

Sidney 2000

Durante le prime Olimpiadi del nuovo millennio, i Partecipanti Olimpici Indipendenti furono quattro atleti di Timor Est, il cui paese era in transizione verso l’indipendenza. Non hanno vinto medaglie.

I Partecipanti Olimpici Indipendenti a Londra 2012

Ad Atene nel 2004 e a Pechino nel 2008, non vi furono partecipanti di questo tipo. A Londra nel 2012 li chiamarono con le iniziali IOA. Un anno prima, il Comitato Olimpico delle Antille olandesi si era sciolto.

Tuttavia, gli atleti delle ex Antille olandesi hanno potuto competere sotto questa bandiera. Altre opzioni per questi atleti erano rappresentare i Paesi Bassi o Aruba. Ai Partecipanti Olimpici Indipendenti si unì un atleta del Sudan. Nessuno di loro vinse alcuna medaglia.

Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016

La squadra era composta da atleti del Kuwait, che hanno gareggiato sotto la bandiera olimpica perché il loro paese è stato sospeso dal COI a causa di interferenze del governo. Erano presenti alle prove di tiro (cinque rappresentanti), nuoto (tre) e scherma (uno).

Durante questa edizione, il team vinse due medaglie. Un oro per Fehaid Al-Deehani e un bronzo per Abdullah Al-Rashidi.

Logo delle Olimpiadi.

Anche a Pyeongchang 2018 c’erano i Partecipanti Olimpici Indipendenti

A seguito dello scandalo del doping in Russia, il Comitato Olimpico russo venne sospeso nel 2017 e ai suoi atleti fu impedito di partecipare alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang del 2018. Grazie alla squadra dei Parecipanti Olimpici Indipendenti chiamata “atleti olimpici russi”, molti di loro hanno potuto partecipare.

Le discipline in cui hanno vinto delle medaglie erano: sci acrobatico (due bronzi), sci di fondo (tre medaglie d’argento e cinque di bronzo), hockey su ghiaccio (un oro), pattinaggio artistico (un oro e due d’argento), pattinaggio di velocità (un bronzo), pattinaggio su pista (un bronzo) e skeleton (un argento). In totale, gli atleti indipendenti russi vinsero 17 medaglie.

  • Tejo, L. Así podrían librarse los deportistas rusos de la sanción sin competir en los Juegos Olímpicos. Diciembre de 2019. Yahoo Deportes. https://es-us.deportes.yahoo.com/noticias/rusia-dopaje-sancion-juegos-olimpicos-mundial-librarse-130505367.html
  • Wes, J. Sin país pero con espíritu olímpico: así son los ‘independientes’ de los Juegos Olímpicos. Marzo de 2016. Deportes Cuatro. https://www.cuatro.com/deportes/juegos-olimpicos/Juegos_Olimpicos-Refugiados-Independientes_0_2145675106.html