Tutto sugli sport per non vedenti: quali sono e come funzionano

01 novembre, 2020
Gli sport per non vedenti hanno regole simili a quelle degli sport convenzionali, ma si adattano alle esigenze degli atleti. Scopriteli in questo articolo.

I Giochi paralimpici, l’equivalente dei Giochi olimpici per gli atleti con disabilità fisiche, includono anche gli sport per non vedenti. In che modo gli atleti ciechi possono calciare un pallone, nuotare o correre? In questo articolo vi diremo tutto sugli sport per non vedenti.

Quali sono gli sport per non vedenti?

La pratica dell’esercizio fisico è essenziale per chiunque. Nel caso dei non vedenti, lo sport consente di migliorare la qualità della loro vita, socializzare, competere su un piano di parità e fare amicizia.

Le persone non vedenti hanno un’ampia varietà di attività fisiche tra cui scegliere, al di là delle competizioni stesse. Tra gli sport per non vedenti più praticati ci sono:

1. Goalball o pallarete

Il goalball è l’unico sport creato appositamente per le persone non vedenti o con visibilità ridotta. Partecipano due squadre formate da tre giocatori e la palla contiene delle campanelline per consentire agli atleti di rilevarne i movimenti e la posizione in campo.

La pallarete è stata inventata come sport per i veterani ciechi della seconda guerra mondiale e fa parte dei Giochi Paralimpici dall’edizione di Toronto 1976, nella categoria maschile.

Donne che giocano ad uno sport per ciechi.

La partita si gioca in due tempi da 12 minuti e ogni squadra si trova su un lato del campo. L’obiettivo è lanciare la palla nella porta dell’avversario, come nel calcio. Qualsiasi membro della squadra può tentare di impedire alla palla di entrare nella sua porta.

2. Nuoto, sport per non vedenti

Il nuoto è una delle discipline dei Giochi paralimpici più seguite ed è presente dalla prima edizione delle Olimpiadi di Roma nel 1960. Gli atleti sono raggruppati in base al grado di disabilità e c’è una categoria per non vedenti; tutti portano degli occhialini scuri per evitare il passaggio della luce.

Nuoto per non vedenti.

I nuotatori ciechi hanno degli allenatori speciali noti come tapper, che si trovano ai lati della piscina. La loro funzione è quella di dare un leggero colpo sul corpo del nuotatore per avvertirlo che sta raggiungendo il bordo della piscina e deve voltarsi.

Agli ultimi Giochi Olimpici di Rio 2016, è stata presentata una cuffia chiamata Blind Cap che ha un sensore che vibra quando il nuotatore raggiunge il bordo della piscina.

3. Atletica leggera

È uno degli sport più apprezzati dai non vedenti. È praticato in più di 70 paesi e le competizioni sono organizzate secondo il Regolamento della International Blind Sports Association (IBSA).

Corsa per atleti non vedenti.

Ai Giochi Paralimpici, gli atleti con cecità partecipano alla categoria 11, mentre quelli con disabilità visiva lo fanno in 12 e 13. Tra le gare ci sono i 100 metri, i 200 metri, i 400 metri, i 1500 metri, i 5000 metri, la maratona e la staffetta 4 x 100.

4. Judo

Il judo è uno degli sport per non vedenti con meno modifiche rispetto alla disciplina “convenzionale”. L’unico cambiamento è che tutte le partite iniziano con gli atleti che si tengono insieme. Se per qualsiasi motivo i judoka si liberano, l’arbitro interrompe il combattimento per rimetterli in contatto.

Un’altra differenza è il modo in cui gli arbitri devono trasmettere le loro decisioni: invece dei gesti, usano altre tecniche. Nel judo paralimpico, sia gli atleti non vedenti che gli atleti ipovedenti competono nella stessa categoria.

5. Calcio

Esistono due grandi categorie nel calcio per non vedenti. Una è quella dei giocatori ipovedenti —B2 / B3—, che non hanno bisogno di troppi adattamenti per competere. È importante che il colore della palla contrasti con il campo di gioco, lo sfondo, la porta e l’illuminazione.

Nel caso del calcio per non vedenti (B1), questo possiede un regolamento con modifiche più sostanziali. Si gioca in un piccolo spazio – calcio indoor – e deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • Palla che emette dei suoni.
  • Guide dietro le porte per guidare i giocatori.
  • Recinzioni laterali per evitare i fuori banda.
  • Portiere vedente (con manovrabilità limitata).
  • Silenzio assoluto per far dialogare i giocatori evitando colpi e disorientamento.

Altri sport per non vedenti

Gli altri sport per non vedenti che possiamo evidenziare sono: lo sci alpino, l’alpinismo, il ciclismo, il bowling, gli scacchi, lo sci di fondo, il bowling, il tiro, il powerlifting, il tiro con l’arco, il torball e lo showdown. Avete mai visto qualcuno giocarli o ne conoscete i regolamenti?

  • Europa Press – ¿Cómo saben los ciegos que llegan al final de la piscina? y otras preguntas de la natación en los Juegos Paralímpicos – Septiembre 2016 – https://www.europapress.es/deportes/noticia-saben-ciegos-llegan-final-piscina-otras-preguntas-natacion-juegos-paralimpicos-20160909145133.html
  • Polideportes – El golbol, una jugada más allá de la discapacidad – Octubre 2017 – https://polideportes.poligran.edu.co/2017/10/20/conozca-como-esta-el-golbol-en-colombia/