Campionato mondiale di calcio femminile: cosa sapere?

Sebbene sia meno famoso e seguito rispetto a quello di calcio maschile, il campionato mondiale di calcio femminile vanta migliaia di spettatori ed è nato nel 1991. 
Campionato mondiale di calcio femminile: cosa sapere?

Ultimo aggiornamento: 23 aprile, 2021

Quest’anno si è disputata una nuova edizione del campionato mondiale di calcio femminile, che ha suscitato la curiosità di molti spettatori. Leggete questo articolo per scoprire tutto quello che c’è da sapere su questa competizione a livello internazionale.

Caratteristiche del campionato mondiale di calcio femminile

Sebbene sia meno seguito rispetto a quello maschile, il campionato mondiale di calcio femminile è sempre più popolare in tutto il pianeta. Si tratta della gara più importante di questo sport e viene organizzato dalla FIFA (Federazione internazionale di calcio).

Anche noto semplicemente come mondiali femminili, è nato in seguito alla diffusione di questo sport tra le donne di tutti i continenti. Vale la pena di sottolineare che non viene disputato negli stessi anni del campionato maschile né delle Olimpiadi, ma comunque ogni quattro anni come i due eventi più importanti di questo sport.

La prima edizione del campionato mondiale di calcio femminile risale al 1991 nella Repubblica Popolare Cinese, uno dei paesi con le maggiori seguaci di questo sport. Le prime campionesse del mondo sono state le calciatrici statunitensi.

Edizioni

Inizialmente vi partecipavano 16 squadre, ma a partire dal 2015 questa quantità è cresciuta per un totale di 24 squadre. Finora si contano otto campionati mondiali di calcio femminile:

  • Anno 1991: in Cina, dove hanno vinto gli Stati Uniti (che hanno vinto 2 a 1 nella finale contro la Norvegia).
  • Anno 1995: giocato in Svezia e la squadra vincitrice è stata la Norvegia (2 a 0 contro la Germania).
  • Anno 1999: con sede negli Stati Uniti, a cui è andata la vittoria (5 a 4 ai rigori contro la Cina).
  • Anno 2003: negli Stati Uniti. Vincitrice la Germania (2 a 1 contro la Svezia).
Allenamento di calcio femminile

  • Anno 2007: si è disputato in Cina e ha vinto la Germania (2 a 0 contro il Brasile).
  • Anno 2011: ospitato dalla Germania, ha avuto come vincitore il Giappone (3 a 1 ai rigori contro gli Stati Uniti).
  • Anno 2015: in Canada e di nuovo campioni gli Stati Uniti (che hanno vinto 5 a 2 contro il Giappone).
  • Anno 2019: Francia è stata la sede di questa edizione che ha visto vincere ancora una volta gli Stati Uniti (2 a 0 nella finale contro i Paesi Bassi).

La prossima edizione, che si terrà nel 2023, non ha ancora una sede definita. La squadra che ha vinto di più finora sono gli Stati Uniti, con un totale di quattro coppe, seguiti dalla Germania, che ha portato a casa due trofei. Norvegia e Giappone sono gli altri due vincitori, con un mondiale a testa.

Qualificazioni e gara

Per qualificarsi per il mondiale, le nazionali di calcio devono disputare diversi incontri previ. Prima di tutto, l’associazione a cui appartiene la nazionale deve essere membro della FIFA e di una delle sei confederazioni continentali; ovvero la AFC (Asia), la CAF (Africa), la Concacaf (Nord e Centro America e Caraibi), la Conmebol (America del Sud), la OFC (Oceania) e la UEFA (Europa).

Ogni confederazione organizza un sistema di qualifica ed è prevista una determinata quantità di posti per ogni continente: 8 per la UEFA, 5 per la AFC, 3 per la Concacaf (1 condiviso con la Conmebol) e la CAF, 2 per la Conmebol (più quello condiviso con la Concacaf) e 1 per la OFC.

Le 24 squadre qualificate che passano in finale gareggeranno nel campionato mondiale di calcio femminile. Queste verranno divise in sei gruppi da quattro squadre ciascuno, che giocheranno tra loro. Per passare al girone successivo, devono trovarsi tra le migliori due di ogni gruppo o tra le quattro migliori tra le terze classificate.

Il secondo turno include gli ottavi di finale, i quarti di finale, la semifinale e la finale, tutti tramite eliminazione diretta. Si disputa una partita anche per il terzo e quarto posto tra le due squadre che hanno perso la semifinale.

Se dopo i 90 minuti di gioco le due squadre pareggiano, si giocano altri due tempi supplementari da 15 minuti ciascuno. Se si mantiene il pareggio, si procede con i rigori.

Squadra olandese di calcio femminile
Immagine: Dallas Morning News.

Record e meriti nel campionato mondiale di calcio femminile

Sin dalla prima edizione nel 1991 a ora, sono stati assegnati diversi premi e meriti alle giocatrici, le quali si sono distinte sulle altre durante il campionato mondiale di calcio femminile.

Per esempio, il titolo come miglior marcatore lo detiene finora la brasiliana Marta Vieira da Silva, che con un totale di 17 reti è la rappresentante del suo paese. Molto vicine, entrambe con 14 gol, si trovano la tedesca Birgit Prinz e l’americana Abby Wambach.

Per quanto riguarda la migliore giocatrice, il premio è stato assegnato a un’atleta diversa per ogni edizione. Per esempio, nei campionati di Canada 2015 è toccato alla statunitense Clarli Lloyd, mentre in quelli di Germania 2011 alla giapponese Homare Sawa.

Infine, si assegnano anche altri due premi nel campionato mondiale di calcio femminile: come miglior portiere (guanto d’oro), giocatrice più giovane, fair play e gol del torneo. In sintesi, si tratta di un incontro sportivo molto simile a quello di calcio maschile e con una crescita enorme, che probabilmente aumenterà aumenterà ancora.

Potrebbe interessarti ...
L’alimentazione nel calcio femminile
Fit PeopleLeggi in Fit People
L’alimentazione nel calcio femminile

Da un punto di vista fisico, il calcio femminile è uno sport molto impegnativo. È necessario reintegrare le energie perse durante la pratica sporti...



  • Eliécer Amaya, J. (2006). Una historia del fútbol femenino. Revista Javeriana.