Intossicazione alimentare: da cosa può essere provocata

I bruschi cambiamenti di temperatura sono una delle cause più comuni di intossicazione alimentare, ma c'è di più. Scoprite i dettagli in questo articolo.
Intossicazione alimentare: da cosa può essere provocata

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2020

Sapevate che la maggior parte delle malattie non trasmissibili nel mondo sono provocate da un’intossicazione alimentare? Che ci crediate o no, questa condizione è molto più frequente di quanto sembri. Non solo può generare problemi acuti specifici, ma anche alterare in maniera permanente la composizione del microbiota.

È importante, quindi, sapere cosa può provocare un’intossicazione alimentare per rimediare e prevenirla. In questo articolo, presenteremo i fattori di rischio più frequenti, nonché quali soluzioni possiamo adottare in proposito.

Intossicazione alimentare provocata da cattiva conservazione

Al fine di aumentare la durata di conservazione degli alimenti, vengono eseguiti una serie di processi di conservazione. Il più comune di tutti è il congelamento.

Sottoponendo un determinato prodotto a temperature molto basse, vengono disattivati ​​gli enzimi che lo compongono, così come i microrganismi che possono popolarlo. Tuttavia, il mantenimento della catena del freddo è fondamentale per prevenire la moltiplicazione dei patogeni, come affermato da una ricerca pubblicata sul Journal of Food Protection.

Per garantire la corretta conservazione del cibo è necessario che il processo di scongelamento avvenga gradualmente e nel modo giusto. Lasciare il cibo a temperatura ambiente provoca la moltiplicazione dei patogeni presenti al suo interno. Per questo motivo si consiglia di conservare i prodotti in frigorifero fino alla loro cottura.

Uomo che lava una mela.


Non cuocere correttamente il cibo aumenta il rischio

Un altro fattore di rischio quando si tratta di intossicazione alimentare è cuocere poco o male il cibo. Soprattutto nel caso della carne macinata e lavorata, è fondamentale assicurarsi che all’interno degli alimenti venga raggiunta una temperatura minima.

Altrimenti sopravviveranno i batteri patogeni, che potrebbero invadere il tratto intestinale. Gli esperti dicono che il cibo poco cotto è una delle cause principali dell’avvelenamento da Clostridium botulinum.

L’industria alimentare ha trovato una possibile soluzione per ridurre il numero di infezioni derivanti dal consumo di carne. Consiste nell’aggiunta di nitrati al cibo, che svolgono un’azione antimicrobica. Questa misura è supportata dalla scienza, ma potrebbe portare a un aumento del rischio di sviluppare patologie a medio e lungo termine.

Attenzione alla contaminazione incrociata

Al fine di ridurre il rischio di intossicazione alimentare, è necessario prestare particolare attenzione alla contaminazione incrociata. In questo senso, utilizzare lo stesso strumento per tagliare due prodotti diversi che possono essere contaminati costituisce una pratica pericolosa.

L’opzione migliore è sempre quella di lavare a fondo gli strumenti da cucina tra un utilizzo e l’altro o di averne a disposizione diversi a seconda del prodotto da maneggiare.

In questo modo si evitano contaminazioni che possono alimentare la crescita batterica o la presenza di allergeni che causano danni alla salute. I celiaci, ad esempio, sono particolarmente sensibili a questo tipo di contaminazione.

Donna che sta per vomitare.
L’intossicazione alimentare crea problemi a breve e lungo termine.

Cosa fare per ridurre il rischio di intossicazione alimentare?

Come abbiamo visto, è necessario prendere alcune precauzioni per quanto riguarda il cibo. Oltre a scongelare correttamente i prodotti, è necessario prevenire il verificarsi di contaminazioni incrociate.

Subire un’intossicazione alimentare va oltre il problema specifico. Infatti, i batteri patogeni che colonizzano l’intestino potrebbero alterare la salute del microbiota intestinale, alterandone quindi il funzionamento e producendo uno squilibrio che danneggia la salute.

Infatti, la flora intestinale è considerata un organo indipendente. Causare un deterioramento della sua composizione provoca la comparsa di problemi legati al metabolismo e allo stress, oltre a causare un’infiammazione.

Per questo motivo è necessario fare molta attenzione quando si conservano gli alimenti. Se vi sembra che il cibo faccia cattivo odore, gettatelo. Se dubitate che un alimento sia stato conservato adeguatamente, non mangiatelo.

In questi casi, prevenire è sempre meglio che curare. L’intossicazione alimentare è fastidiosa a breve termine, ma a lungo termine può provocare gravi problemi di salute.

Potrebbe interessarti ...
La differenza tra termine minimo di conservazione e data di scadenza
Fit PeopleRead it in Fit People
La differenza tra termine minimo di conservazione e data di scadenza

Se volete conoscere la differenza tra termine minimo di conservazione e data di scadenza, in questo articolo vi spiegheremo cosa sono e a cosa servono.



  • Golden MC., Wanless BJ., David JRD., Kottapalli B., et al., Effect of cultured celery juice, temperature, and product composition on the inhibition of proteolytic clostridium botulinum toxin production. J Food Prot, 2017. 80 (8): 1259-1265.
  • Majou D., Christieans S., Mechanisms of the bactericidal effects of nitrate and nitrite in cured meats. Meat Sci, 2018. 145: 273-284.