È normale sentire dolore quando si fa sport?

13 aprile, 2020
Il connubio tra sport e dolore talvolta sembra inscindibile, tuttavia il dolore ci avverte che qualcosa non va, per cui è probabile che siamo di fronte ad una lesione.

Chiunque abbia praticato sport almeno una volta nella vita sa di essere continuamente esposto a lesioni. Inoltre, il dolore ci fa conoscere in prima persona la rigidità, la fatica e le barriere imposte dalle nostre condizioni fisiche. Per cui è frequente chiedersi: è normale sentire dolore quando si fa sport?

Praticare sport coinvolge tutto il corpo

Prendiamo come riferimento cosa significa praticare sport, qualunque esso sia. L’unica cosa che stiamo facendo attivamente, attraverso il cervello e i nervi, è contrarre e rilassare una serie di muscoli.

A loro volta, i muscoli muovono le ossa a cui sono attaccati attraverso i tendini, ed è così che calciamo o lanciamo una palla, camminiamo, nuotiamo e persino prendiamo in mano la bottiglia d’acqua per rinfrescarci.

Allo stesso tempo, mentre i muscoli e le ossa si muovono, vengono attivate le altre strutture che aiutano il movimento a essere normale e fluido. Queste strutture includono i tendini, i legamenti e le articolazioni.

Nel frattempo, il cuore pompa il sangue più velocemente per garantire che abbastanza ossigeno raggiunga tutte le parti coinvolte. Pertanto, tra i molti vantaggi dello sport possiamo evidenziare:

  • Rafforzamento muscolare.
  • Mantenimento dei tessuti accessori “in allerta” per attivarli in modo più rapido ed efficace.
  • Miglioramento delle connessioni neurali.
  • Prevenzione delle patologie cardiovascolari.
  • Rafforzamento delle ossa attraverso l’assorbimento di vecchie cellule e la creazione di nuove

Tutti questi motivi spiegano la necessità di praticare sport per condurre uno stile di vita sano. Altrimenti, si verificano gli effetti opposti a quelli descritti.

Tuttavia, per vari motivi, lo sport può anche essere associato a disagio o dolore. Vediamo in quali casi è così e in quale di essi dovremmo cercare l’aiuto di un medico.

Donna gioca a tennis all'aperto

Sport e dolore: perché lo sentiamo?

Questo albero ha molti rami, quindi bisogna potarlo per affrontarlo più facilmente. Per prima cosa, escludiamo la fatica. Se stiamo lavorando sui muscoli, e se siamo sedentari o abbiamo aumentato il carico di allenamento, questi si stancheranno più facilmente.

Ciò significa che è normale trovare più difficile eseguire l’esercizio man mano che la sessione procede e anche il fatto che quando torniamo a casa e ci sdraiamo, sarà difficile per noi alzarci. I muscoli si sono stancati  e devono riprendersi; fino a qui, tutto normale.

Tuttavia, potrebbe insorgere l’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata. In questo caso noteremo disagio proprio nel gruppo muscolare che abbiamo allenato per i due o tre giorni successivi dopo aver fatto uno sforzo fisico maggiore del normale. Ma non dovreste preoccuparvi.

In questo caso, le fibre muscolari si sono rotte e per questo motivo fa male. Tuttavia, ricresceranno e diventeranno più forti, perché il corpo è saggio e vuole che siamo in grado di sopportare un altro sforzo simile se si verifica nei prossimi giorni. Dormire bene e allenare leggermente il gruppo di muscoli indolenziti accelererà il recupero.

Dolori che non sono normali

Il dolore che rappresenta un problema sicuramente è quello provocato da una lesione. Se facciamo un gesto anormale o brusco e quella parte del corpo inizia a farci male, potremmo aver causato danni a muscoli, tendini, legamenti, articolazioni, nervi, ossa o cartilagini che dovranno essere esaminati da uno specialista.

Poi potrebbe presentarsi il caso in cui sentiamo dolore fin da subito dopo aver iniziato a fare sport. Come abbiamo detto, l’affaticamento muscolare è normale e non dovremmo allarmarci se notiamo disagio o dolore lieve quando siamo inattivi da un po’ di tempo. Tuttavia, non è comune sentire dolore all’inizio. In questo caso, dovremmo fare dei test per trovare la causa del dolore.

D’altra parte, c’è anche la possibilità di fare gli esercizi in modo scorretto. Per fare un esempio, se facciamo gli squat lasciando le ginocchia oltre la linea verticale tracciata dalle dita dei piedi, questo gesto sbagliato provocherà dolore al ginocchio.

In questo modo, il corpo ci sta avvertendo che stiamo facendo qualcosa di sbagliato e quindi non è normale. In questo caso bisogna usare la logica: se iniziamo uno sport o una serie di nuovi esercizi, dobbiamo imparare come eseguirli correttamente.

Dolore al ginocchio

Sport e dolore: conclusioni

In conclusione, il dolore ci avverte che qualcosa non va, per cui è importante farci caso. Ci sono persone che sono disposte a fare sport pur provando dolore per sentirsi più forti, e molti atleti professionisti continuano ad allenarsi, cercando dei modi per alleviare il disagio e non interrompere temporaneamente la loro carriera.

Entrambi i casi sono dannosi per il loro corpo e aumentano la possibilità di peggiorare le condizioni o provocare lesioni diverse in altre parti del corpo. Il dolore in questi casi non è normale, ma molti sono disposti a soffrire.

Coloro i quali non sono atleti professionisti non dovrebbero praticare sport se sentono dolore. Sentirsi stanchi o camminare con disagio per alleviare un po’ di rigidità è corretto, ma qualsiasi dolore acuto, che appare sempre con lo stesso movimento o che ci fa male quando si inizia un’attività sportiva è un sintomo dell’esistenza di un problema che bisogna risolvere al più presto.

  • Body Talk: Male Athletes Reflect on Sport, Injury, and Pain. Kevin Young, Philip White and William McTeer. Sociology of Sport Journal. Volume 11: Issue 2, 1994.
  • Accepting the Risks of Pain and Injury in Sport: Mediated Cultural Influences on Playing Hurt. Howard L. Nixon II. Sociology of Sport JournalVolume 10: Issue 2 (1993)
  • Analgesics and Sport Performance: Beyond the Pain-Modulating Effects. Darias Holgado MD, James Hopker PhD, Daniel Sanabria PhD, Mikel Zabala PhD. PM&R. Volume 10, Issue 1, January 2018, Pages 72-82