4 consigli per essere un buon allenatore

Essere un buon allenatore non è facile. È molto importante essere sempre aggiornati, consapevoli delle ultime tendenze in termini di attività fisica, dieta e altri aspetti importanti.
4 consigli per essere un buon allenatore

Ultimo aggiornamento: 22 aprile, 2021

Fare in modo che ogni soggetto dia il massimo nelle proprie sessioni di lavoro fisico non è facile. Per questo motivo, ti offriremo una serie di consigli per essere un buon allenatore. In questo modo, otterrai una maggiore empatia con i clienti e genererai buoni risultati nel medio termine.

La prima cosa da tenere a mente è che molte persone cercano un allenatore con l'obiettivo di raggiungere grandi obiettivi in brevi periodi di tempo. Questa associazione è sbagliata, poiché i risultati gratificanti sono spesso costosi e richiedono un certo livello di impegno.

4 consigli per essere un buon allenatore

Presta attenzione ai seguenti suggerimenti per essere un buon allenatore. Con loro, genererai una maggiore aderenza dei clienti alle linee guida stabilite.

1. Promuovere la diversità

La noia è uno dei motivi più comuni per cui una persona abbandona la routine di allenamento. In questo senso, è importante offrire varietà nelle routine. Indipendentemente dagli obiettivi proposti, è possibile proporre diversi metodi di lavoro per raggiungerli.

Ad esempio, l'esercizio a intervalli ad alta intensità ha dimostrato di essere molto efficace nel promuovere la perdita di peso. Ciò è dimostrato da uno studio pubblicato sulla rivista Obesity Reviews . Tuttavia, non è l'unico modo per ottenere un corpo perfetto e può essere integrato e alternato al lavoro di forza con i pesi. In effetti, questa combinazione è altamente raccomandata.

All'interno delle sessioni di forza, è anche importante apportare modifiche non solo negli esercizi, ma anche nelle serie eseguite e nel numero di ripetizioni. Oltre a superare la noia, questo impedisce al corpo di abituarsi e adattarsi.

2. Valutare il cliente prima di iniziare

La consulenza è essenziale per prevenire gli infortuni in palestra.

Effettuare una valutazione iniziale è fondamentale per evitare successive inefficienze. Inoltre, questo punto può aiutare a evitare infortuni, poiché è possibile rilevare problemi strutturali o funzionali che limitano l'esecuzione di determinati esercizi.

Alcuni movimenti sono particolarmente dannosi se non vengono eseguiti correttamente. Uno di questi è lo stacco, secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMJ.

È importante godere di una buona mobilità dell'anca, di un'adeguata flessibilità nella catena posteriore e di livelli minimi di stabilizzazione nella zona addominale per svolgere questo esercizio con garanzie. In caso contrario, la colonna vertebrale lombare sarà messa a rischio.

3. Evita le intrusioni

Per il raggiungimento della maggior parte degli obiettivi, l'esercizio da solo non è sufficiente. È importante integrare con linee guida nutrizionali o buone abitudini di vita.

Per essere un buon allenatore, è importante sapere come andare alla deriva. Delegare responsabilità a un altro professionista qualificato impedisce che vengano fornite raccomandazioni inappropriate o inadeguate. Evitare intrusioni professionali genera anche maggiore rispetto da parte di altri specialisti, che vedono come viene valorizzato il loro lavoro e si generano sinergie che possono beneficiare entrambi.

4. Sii paziente

Come accennato, i risultati non si ottengono dall'oggi al domani. Essere in grado di motivare il cliente sarà la chiave per impedirgli di perdere l'aderenza al lavoro o di diventare frustrato. È importante fargli capire che né i guadagni di forza né i cambiamenti nella composizione corporea sono lineari.

Coach che aiuta a pianificare la routine.

I risultati associati all'esercizio fisico implicano una corsa a lunga distanza. Non si tratta di dare il massimo per un paio di settimane e poi arrendersi; l'importante è rimanere costanti negli anni e stabilire alcune routine e buone abitudini di vita. Solo così si potranno ottenere grandi risultati, anche se non senza sforzo.

Metti in pratica i consigli per essere un buon allenatore

Sai già quali sono le chiavi per essere un buon allenatore, ora non ti resta che metterle in moto. Naturalmente, ricorda che anche la formazione è essenziale. Un professionista della salute o del lavoro fisico deve riciclare costantemente, attento alle ultime pubblicazioni scientifiche.

Se l'allenatore diventa obsoleto, inizierà immediatamente a perdere clienti, poiché altri professionisti che suppongono la competizione saranno in grado di spremere meglio gli atleti e ottenere risultati più soddisfacenti.

La buona notizia è che tenersi aggiornati è davvero facile oggi. Nuove informazioni e articoli scientifici sono praticamente a portata di clic. Il segreto sta nella voglia di migliorare.



  • Wewege, M., van den Berg, R., Ward, R. E., & Keech, A. (2017). The effects of high-intensity interval training vs. moderate-intensity continuous training on body composition in overweight and obese adults: a systematic review and meta-analysis. Obesity reviews : an official journal of the International Association for the Study of Obesity, 18(6), 635–646. https://doi.org/10.1111/obr.12532
  • Bengtsson, V., Berglund, L., & Aasa, U. (2018). Narrative review of injuries in powerlifting with special reference to their association to the squat, bench press and deadlift. BMJ open sport & exercise medicine, 4(1), e000382. https://doi.org/10.1136/bmjsem-2018-000382