Come trattare il dolore muscolare?

I muscoli possono soffrire di una serie di patologie con diversi livelli di coinvolgimento. In questo articolo descriveremo in dettaglio alcune tecniche per trattare il dolore muscolare.
Come trattare il dolore muscolare?

Ultimo aggiornamento: 01 luglio, 2021

La comparsa di dolore muscolare è molto comune tra gli atleti, quindi sapere come trattarlo è di vitale importanza. I muscoli possono soffrire di molteplici patologie di varia intensità e quindi c’è un alto rischio di soffrire di lesioni.

In questo articolo esamineremo i motivi principali per cui compare il dolore muscolare. Allo stesso modo, vedremo come affrontarlo e cosa possiamo fare per migliorare il prima possibile e tornare all’azione.

Quando compare il dolore muscolare?

Come abbiamo detto, ci sono molteplici cause che provocano il dolore muscolare. Le più frequenti sono:

  • Contrattura: si verifica quando il ciclo contrazione-rilassamento viene interrotto e il muscolo si contrae a lungo in modo patologico.
  • Allungamento: nel caso in cui il muscolo venga tirato in modo intenso e rimanga indolenzito. Potrebbero verificarsi la rottura in alcune fibre.
  • Micro strappi: in questo caso lo sforzo è stato intenso e alcune fibre muscolari non hanno saputo resistere. La gravità dipenderà dal numero di fibre muscolari che si sono rotte.
  • Rottura o lacerazione: questo è il caso più grave di lesione muscolare. Se si verifica una lacerazione, significa che si sono rotti i grandi fasci di fibre muscolari, provocando emorragia, infiammazione e impotenza funzionale.

Esiste anche una patologia chiamata sindrome del dolore miofasciale, che è correlata ai muscoli ma è un problema che merita un’attenzione professionale e un trattamento specifico. Pertanto, non lo includeremo nel nostro elenco.

Come trattare il dolore muscolare

Abbiamo visto cosa può provocare il dolore muscolare. Nel caso in cui il dolore sia molto forte, la prima cosa da fare è ricevere una diagnosi medica della patologia. Tuttavia, se si tratta di un dolore piuttosto lieve, è probabile che stiamo affrontando una contrattura, un allungamento o un micro strappo e possiamo trattarlo in modo semplice ed efficace.

Donna che si è presa un giorno di riposo.

Come per molte altre patologie, la prima cosa che dobbiamo fare è riposare. Ci vorrà del tempo prima che il muscolo guarisca al punto da permetterci di tornare all’attività.

Tuttavia, a differenza delle lesioni ai legamenti, ad esempio, non si tratta di un riposo completo. In questo caso è importante iniziare a praticare un’attività fisica poco intensa il prima possibile. Tornare presto all’attività fisica è importante perché in questo modo prepariamo correttamente le nuove fibre muscolari. È importante sia che vengano orientate correttamente sia che inizino a lavorare.

D’altra parte, i muscoli rispondono molto bene alla terapia. Cioè, applicare il freddo per le prime 48 ore e poi il caldo. È anche possibile ricorrere a tecniche come ultrasuoni, massoterapia, dry needling e stimolazione elettrica.

Se andiamo dal fisioterapista, avrà a sua disposizione una vasta gamma di opzioni per curare il disturbo. E se siamo a casa, possiamo applicare gli impacchi di freddo e caldo noi stessi.

Cosa fare in seguito?

Una volta che iniziamo a migliorare, nel trattamento del dolore muscolare è di vitale importanza tornare progressivamente alla normalità. Come abbiamo detto, possiamo iniziare a fare esercizi molto leggeri abbastanza presto, ma dobbiamo ricordare che il muscolo non sarà pronto al 100%.

Allo stesso modo, è importante ricordare che l’assenza di dolore non significa il pieno recupero. Il muscolo rimarrà indebolito fino a quando non si sarà ripreso del tutto e questo processo deve essere coerente con la gravità della lesione. A seconda del muscolo colpito, sarà importante eseguire degli allungamenti ed esercizi specifici per recuperare le forze.

Vale la pena aggiungere che gli studi dimostrano che gli integratori alimentari non assicurano un miglioramento né aiutano a prevenire la comparsa di patologie muscolari.

Uomo dal fisioterapista.

Molte opzioni a disposizione

Quindi ci sono molte opzioni per trattare il dolore muscolare. Il tipo e la durata dipenderanno dall’entità della lesione, ma possiamo trovare anche degli elementi in comune.

La cosa migliore da fare sarà sempre andare dal medico per eseguire gli esami adeguati e capire cosa stiamo affrontando esattamente. In secondo luogo, sarà necessario recarsi dal fisioterapista per guidare il trattamento e stabilire i tempi di recupero in modo appropriato.

Tuttavia, se si tratta di un infortunio minore, c’è la possibilità di riprendersi da soli. Dobbiamo semplicemente stare a riposo per un giorno o due mentre applichiamo gli impacchi di freddo. In seguito, sarà il momento di esercitare il muscolo a un’intensità molto bassa e, se vediamo che c’è un miglioramento significativo, aggiungere stretching o esercizi più intensi con il passare dei giorni.

Dopotutto, abbiamo centinaia di muscoli e ne usiamo la maggior parte ogni giorno. Pertanto, è normale che siano inclini a darci problemi e che abbiano bisogno di un trattamento specifico. In ogni caso, vale la pena ricordare che bisogna riprendersi completamente prima di ricominciare a fare sport, poiché le patologie muscolari possono diventare croniche e causare problemi a lungo termine.

Potrebbe interessarti ...
L’importanza del riscaldamento per evitare le lesioni muscolari
Fit PeopleLeggi in Fit People
L’importanza del riscaldamento per evitare le lesioni muscolari

L'importanza del riscaldamento è ovvia per impedire le lesioni muscolari e gli infortuni, perché avvisa il corpo che deve prepararsi a fare uno sfo...



  • B. Ortiz, C. Carrasco, F. de León et al. Suplementos nutricionales en el tratamiento y la prevención del dolor muscular tardío. Retos: nuevas tendencias en educación física, deporte y recreación. Nº. 35, págs. 407-412. 2019
  • E. Estévez. Dolor miofascial. Revista de la Universidad Autónoma de Bucaramanga. 2001
  • S. Mense. The pathogenesis of muscle pain. Current Pain and Headache Reports. Volume 7, pages 419–425. 2003