Fit People
 

Dietoterapia: di cosa si tratta e quali sono i vantaggi

Sapevate che molte malattie possono essere prevenute e curate attraverso la dieta? La dietoterapia si occupa proprio di questo.

Dietoterapia: di cosa si tratta e quali sono i vantaggi

Ultimo aggiornamento: 08 dicembre, 2020

La dietoterapia è una scienza che ci aiuta mira a gestire alcune patologie attraverso il cibo. La dieta è in grado di aiutare a prevenire le malattie, ma molte volte è anche una possibile soluzione a queste. Per questo motivo vengono proposti dei cambiamenti nella dieta che, in determinate situazioni, sono in grado di migliorare la nostra salute.

Comunque, questo argomento è piuttosto complesso e tecnico. Esistono diverse possibilità di dietoterapia a seconda dell’individuo, della sua genetica, del livello di attività fisica e della patologia da trattare. Pertanto, un caso di un paziente con insufficienza renale non verrà affrontato allo stesso modo di quello di una persona con diabete.

La dietoterapia come metodo di prevenzione

Non ci crederete, ma è possibile stabilire dei cambiamenti nella dieta per prevenire alcune malattie. La dietoterapia offre una serie di opzioni al riguardo.

Una di queste sarebbe, ad esempio, ridurre il consumo di grassi trans. Questi nutrienti, derivati ​​dalla cottura di oli vegetali ad alte temperature, provocano un rischio maggiore di infiammazione. Infatti, una ricerca pubblicata sulla rivista Progress in Lipid Research afferma che l’assunzione regolare di questi lipidi è in grado di aumentare il rischio di aterosclerosi.

Un altro dei consigli della dietoterapia per ridurre l’incidenza di malattie è quello di ridurre il consumo di zuccheri aggiunti. Secondo gli esperti, questa classe di carboidrati viene associata allo sviluppo di malattie metaboliche, di cui l’esempio più tipico è il diabete.

Mela accanto ad un vaso pieno di zucchero.


La dietoterapia per trattare alcune patologie

Una volta che la malattia si è sviluppata, è possibile ricorrere alla dietoterapia per rallentarne la progressione. Ad esempio, ridurre l’assunzione di proteine ​​in un paziente con insufficienza renale può migliorare la funzione degli organi, oltre a ridurre il rischio di complicazioni.

D’altra parte, nel caso dei malati di cancro, ci sono alcune strategie dietetiche che aumentano gli effetti della farmacologia. Una di questi potrebbe essere la riduzione dei carboidrati.

Negli ultimi anni sono state avviate delle ricerche sull’applicazione del digiuno intermittente nei pazienti con questa malattia. I risultati, come affermato nella rivista Clinics, sono promettenti.

Gli integratori possono fare la differenza

Oltre alla dieta, l’integrazione di alcuni nutrienti può essere in grado di prevenire l’insorgere di alcune malattie e aiutare a curarle. Un chiaro esempio è l’uso della melatonina.

Questo ormone, responsabile della regolazione dei cicli di sonno e veglia, ha dimostrato di essere in grado di ridurre le infiammazioni, se somministrato periodicamente. Grazie a questo effetto, ad esempio, il rischio di soffrire di problemi metabolici si riduce.

Vale la pena mettere in evidenza anche il caso dei probiotici. Questi batteri presenti nei prodotti fermentati sono in grado di colonizzare il tratto digerente. Lì, innescano una serie di effetti benefici sulla salute, come la formazione di acidi grassi a catena corta.

L’integrazione con alcuni ceppi di probiotici è stata in grado di migliorare alcuni problemi come l’intolleranza al lattosio, la diarrea causata da antibiotici e persino l’ansia.

Probiotici in pillole.

Oltre alla medicina, la dietoterapia

Quando a qualcuno viene diagnosticata una malattia, la prima opzione è sempre quella di rivolgersi al medico ed affidarsi all’effetto dei farmaci. Tuttavia, la dietoterapia può ostacolarne l’avanzamento in modo significativo, facilitando così la guarigione.

Una dieta adeguata riduce il rischio di sviluppare patologie. Inoltre, i cambiamenti nelle abitudini alimentari aiutano a rallentare la loro progressione o ad aumentare gli effetti dei farmaci.

Per questo motivo, è utile di tanto in tanto farsi visitare da un nutrizionista. Attraverso l’utilizzo della dietoterapia in quanto tale, potrà consigliarvi una serie di cambiamenti nelle abitudini che avranno un impatto positivo sulla vostra salute a medio e a lungo termine. Anche se soffrite già di qualche patologia, modificare la dieta vi aiuterà a ridurre i sintomi e a migliorare la qualità della vostra vita.

Ogni giorno la scienza scopre sempre più dettagli sull’interazione tra i nutrienti e il corpo umano. Lo stesso vale per gli integratori. La dietoterapia è una disciplina relativamente recente, ma con una lunga storia.

Dieta di recupero: cos’è, quando adottarla e come funziona

Dieta di recupero: cos’è, quando adottarla e come funziona

Dopo una gara o uno sforzo fisico è indispensabile adottare una dieta di recupero che ci permette di recuperare le energie perse nell'esercizio.



  • Valenzuela CA., Baker EJ., Miles EA., Calder PC., Eigtheen carbon trans fatty acids and inflammation in the context of atherosclerosis. Prog Lipid Res, 2019.
  • Jhonson RJ., Sánchez Lozada LG., Andrews P., Lanaspa MA., Perspectiva: a historical and scientific perspective of sugar and its relation with obesity and diabetes. Adv Nutr, 2017. 8 (3): 412-422.
  • Antunes F., Erustes AG., Costa AJ., Nascimento AC., et al., Autophagy and intermittent fasting: the connection for cancer therapy? Clinics, 2018.