La mentalità degli atleti professionisti: un esempio per tutti!

Gli atleti professionisti non hanno solo grandi capacità fisiche, ma anche una grande forza mentale. Anche se possono sembrare distanti anni luce da noi, possiamo imparare molto dalla loro mentalità.
La mentalità degli atleti professionisti: un esempio per tutti!

Ultimo aggiornamento: 05 marzo, 2021

Gli atleti professionisti sembrano persone di un altro pianeta. Le loro straordinarie caratteristiche fisiche li fanno risaltare rispetto alle altre persone, e possiedono anche delle caratteristiche psicologiche che li rendono unici. Cosa possiamo imparare dalla mentalità degli atleti professionisti?

A causa del sacrificio fisico richiesto dagli sport ad alte prestazioni, gli atleti professionisti devono adattarsi e trasformarsi per non rimanere indietro e per raggiungere i loro obiettivi. Questo è molto importante, poiché gli sport ad alto impatto sono orientati al raggiungimento degli obiettivi e non tanto al divertimento come gli altri sport.

Sicuramente non tutti diventeremo atleti professionisti, solo pochi ci riescono, ma ciò non vuol dire che il livello della performance non sia importante.

Possiamo imparare molto dagli atleti professionisti, dalla loro storia personale e da come sono riusciti a superare le avversità. In questo articolo parliamo della mentalità degli atleti professionisti: un esempio per tutti!

Resilienza, un approccio chiave nella mentalità degli atleti professionisti

Nella carriera di ogni atleta professionista ci sono stati degli ostacoli e dei momenti difficili che ha dovuto affrontare e superare. Tuttavia, grazie alla resilienza, non solo sono riusciti a superare le avversità, ma anche ad imparare da esse e a crescere come atleti.

La relazione tra resilienza e sport è molto stretta: infatti, questo approccio psicologico ci aiuta a proteggerci dalla sindrome da esaurimento, chiamata anche burnout.

Sembra proprio che il livello della performance sia correlato al livello di resilienza di un atleta. Uno studio condotto dall’Università di Granada ha evidenziato che i calciatori professionisti hanno una capacità di recupero maggiore rispetto ai dilettanti.

Atleta stanca dopo l'allenamento.

La mentalità dell’atleta deve consentirgli di far fronte alla fatica e alla frustrazione. La resilienza non è una caratteristica innata, può essere appresa e migliorata. Non a caso la psicologia sportiva ha sviluppato numerosi programmi di intervento con l’obiettivo di valorizzarla.

Gli atleti professionisti sono molto responsabili

Una delle caratteristiche principali degli atleti professionisti è il loro impegno a raggiungere gli obiettivi stabiliti. Questa responsabilità include comportamenti come la tendenza all’ordine, l’autodisciplina e l’orientamento verso i risultati.

Lo sport professionistico è molto rigoroso e richiede all’atleta di adattarsi alle sue esigenze. Secondo una ricerca pubblicata sull’International Journal of Sports Medicine and Sciences, la responsabilità è una caratteristica di chi pratica esercizio fisico. Inoltre, questa caratteristica è essenziale per raggiungere una performance sportiva di alto livello.

Per diventare atleti professionisti, è necessario essere organizzati, disciplinati ed impegnati a livello sportivo. Inoltre, bisogna condividere i valori dello sport.

Hanno la capacità di sopportare alti livelli di stress

Gli atleti professionisti devono sopportare alti livelli di stress durante tutta la stagione. La capacità di questi atleti di allenarsi e competere anche se sottoposti a livelli di stress così elevati è a dir poco sorprendente.

È vero che le persone si abituano facilmente allo stress quotidiano, ma ciò non significa che non ci siano delle conseguenze sulla salute. Sottoporsi ad una certa pressione per lunghi periodi può portare a disturbi psicologici come la depressione e l’ansia.

È importante notare che non tutti gli atleti hanno la stessa tolleranza allo stress. Questo tratto può fare la differenza quando si cerca di raggiungere il massimo e si è tentati di abbandonare lo sport.

Il livello di autodeterminazione è più alto

L’autodeterminazione è la convinzione personale che ci fa credere di essere in grado di eseguire con successo un’azione. Questa è strettamente correlata alla fiducia in se stessi, tanto che molti psicologi affermano che si tratti della stessa cosa.

Atleti professionisti mentalità. Sportivo che si prepara per una gara.

Gli atleti professionisti credono di più nelle loro capacità. Non hanno paura degli ostacoli e sono in grado di organizzare le proprie risorse personali in modo più efficace per superare i problemi.

A tal proposito, uno studio pubblicato sulla rivista RETOS stabilisce una relazione positiva tra autodeterminazione e prestazione sportiva. Ciò significa che ad un alto livello di autodeterminazione dell’atleta corrisponde una performance di livello più alto e dei migliori risultati sportivi.

Imparare dalla mentalità degli atleti

Per raggiungere l’élite sportiva non basta avere delle caratteristiche fisiche eccezionali. È necessario anche avere una certa mentalità, capace di adattarsi e resistere a qualsiasi imprevisto.

Questi tratti possono essere utili anche per gli atleti che competono ad un livello inferiore. L’unica cosa che cambia è che, mentre negli sport professionistici un’attitudine del genere è essenziale, negli sport dilettantistici è consigliata.

Infine, raggiungere l’élite sportiva è un processo lungo che non dipende solo dall’avere un determinato tipo di mentalità: come il corpo, questa deve essere allenata costantemente.

Potrebbe interessarti ...
I migliori calciatori europei del secolo scorso
Fit PeopleRead it in Fit People
I migliori calciatori europei del secolo scorso

I migliori calciatori europei del secolo scorso sono stati: Johan Cruyff, Franz Beckenbauer, Alfredo Di Stefano, Ferenc Puskas, Michel Platini ed Eusebio.



  • Amoedo, N. A., y Juste, R. P. (2016). Evaluación de la autoeficacia y de la autoestima en el rendimiento deportivo en Judo. Retos. Nuevas Tendencias en Educación Física, Deporte y Recreación, (29), 109-113.
  • García-Naveira, A., y Ruiz-Barquín, R. (2013). La personalidad del deportista: una revisión teórica desde la perspectiva de rasgos. Revista Internacional de Medicina y Ciencias de la Actividad Física y del Deporte/International Journal of Medicine and Science of Physical Activity and Sport, 13(51), 627-645.
  • Ortega, F. Z., Fernández, S. R., Extremera, M. O., Sánchez, M. C., Cuberos, R. C., y González, M. D. M. C. (2017). Análisis de la resiliencia, ansiedad y lesión deportiva en fútbol según el nivel competitivo. Cultura, ciencia y deporte: revista de ciencias de la actividad física y del deporte de la Universidad Católica de San Antonio, 12(35), 135-142.