5 consigli per rilassarsi quando si è nervosi

È normale innervosirsi in determinate situazioni, ma bisogna controllare i nervi per evitare che ci giochino dei brutti scherzi. Con questi semplici consigli potrete rilassarvi nelle situazioni difficili.
5 consigli per rilassarsi quando si è nervosi

Ultimo aggiornamento: 23 febbraio, 2021

Imparare a rilassarsi è una delle lezioni più utili che ci siano. Abbiamo tutti bisogno di momenti di tranquillità, ma non è sempre facile trovare la pace della mente.

Essere nervosi è una normale reazione del corpo a una situazione sconosciuta o temuta. Questa reazione non è male di per sé, perché ci prepara all’azione.

Il problema nasce quando quella reazione viene mantenuta a lungo o quando viene innescata da situazioni che non rappresentano un pericolo reale, come ad esempio parlare in pubblico. In questo articolo vi daremo 5 consigli per rilassarsi quando si è nervosi.

5 consigli per rilassarsi quando si è nervosi

Controllare i nervi è un modo per controllare le reazioni emotive. Ciò influenza positivamente sia l’autostima che la capacità di affrontare la situazione. Pertanto, di seguito vi daremo alcuni semplici consigli per rilassarsi quando si è nervosi.

1. Concentrare l’attenzione sul respiro

La sensazione di essere nervosi è accompagnata da una serie di sintomi fisiologici tipici. Alcuni esempi sono l’aumento del battito cardiaco, la tensione muscolare o la respirazione breve e veloce.

Questi sintomi influenzano notevolmente il controllo che abbiamo sui nervi, poiché essere consapevoli di essere nervosi aumenta il malessere. Pertanto, una soluzione per rilassarsi è saperli controllare.

Le tecniche di respirazione, come quella diaframmatica o profonda, sono molto utili per eliminare quella componente emotiva. Lo afferma uno studio pubblicato sul Journal of Sports Psychology: le tecniche di respirazione sono efficaci per ridurre l’ansia prima di una gara, ad esempio.

2. Rilassarsi praticando un dialogo interiore positivo

Atleta nervoso seduto al buio.

Un altro sintomo di nervosismo è avere pensieri negativi su se stessi o sul proprio futuro. Questi pensieri non fanno altro che rafforzare il malessere.

Liberarsi dei pensieri negativi non è così facile come sembra, e non si tratta solo di dire a se stessi di smettere di pensare a ciò che ci preoccupa. Al contrario, più si cerca di resistere ai pensieri negativi, più forti e intensi diventano.

Una soluzione a questo è dirigere l’attenzione del pensiero verso delle istruzioni positive. Dire frasi come “Farò del mio meglio” o “Mi sono preparato per affrontare questo” può fare molto per calmare le voci interiori negative.

3. Consentire a se stessi di fallire è importante per rilassarsi

Fare errori è la cosa più naturale e umana che esiste. Tuttavia, specie nella società di oggi, viene attribuita molta importanza all’errore: si pensa che sia qualcosa di vergognoso e che dovrebbe essere evitato a tutti i costi.

In molte occasioni, il nervosismo è generato dalla paura di commettere degli errori o di deludere gli altri. L’atleta si è allenato duramente e ha le capacità necessarie per affrontare una competizione, ma quella paura irrazionale di sbagliare può giocargli un brutto scherzo.

Gli allenatori devono supportare i loro atleti e incoraggiarli a continuare a provare nonostante gli errori. L’unico errore che non dovrebbe essere tollerato è arrendersi o non provarci.

4. Visualizzare se stessi in uno scenario positivo

L’immaginazione ha molta influenza sui pensieri e sulle emozioni. Il suo potere è così grande che gli psicologi lo usano spesso come tecnica per curare patologie come le fobie o l’ansia generalizzata.

La visualizzazione è una potente tecnica psicologica per migliorare le performance atletiche e calmare i nervi nei momenti importanti.

Secondo uno studio pubblicato da Psychology of Sport and Exercise, la visualizzazione è una tecnica utilizzata dai pentatleti per prepararsi mentalmente prima di una competizione. Questo metodo fornisce sicurezza e tranquillità perché ci consente di rivivere il percorso di formazione nella nostra mente.

5. Sfruttare il potere della meditazione

Ci sono molte attività per rilassarsi: ascoltare musica, ballare, scrivere… ma senza dubbio ce n’è una che si distingue per i suoi effetti e la sua facilità di apprendimento: la meditazione.

La meditazione ci aiuta a connetterci con il nostro sé interiore riducendo al minimo delle interferenze esterne. Grazie a questa tecnica di rilassamento, è possibile approfondire quegli aspetti che solitamente passano inosservati o ai quali non si presta attenzione durante la giornata.

Donna che fa meditazione.

Grazie alla meditazione, possiamo scoprire molto su noi stessi. Conoscere se stessi in profondità è uno strumento molto prezioso, in quanto ci rende consapevoli dei nostri punti di forza e ci offre gli strumenti per affrontare le difficoltà.

Rilassarsi e dimenticare lo stress è importante

Come affermato all’inizio, il nervosismo è una reazione normale a una situazione sconosciuta. Tuttavia, solo perché è normale non significa che dobbiamo lasciarlo agire indisturbato. Il nervosismo fuori controllo è rischioso, perché può giocare brutti scherzi.

Con i nostri consigli per rilassarsi, otterrete un sollievo immediato dal nervosismo. La chiave è metterli in pratica non appena percepite il malessere. Più a lungo si ritarda l’intervento, maggiore sarà lo sforzo richiesto per superarli.

Potrebbe interessarti ...
4 consigli per tenere i nervi sotto controllo prima di una gara
Fit PeopleRead it in Fit People
4 consigli per tenere i nervi sotto controllo prima di una gara

Per gli atleti è fondamentale imparare a tenere i nervi sotto controllo, soprattutto prima di una gara importante che richiede concentrazione.



  • Bertollo, M., Saltarelli, B., y  Robazza, C. (2009). Mental preparation strategies of elite modern pentathletes. Psychology of Sport and Exercise, 10(2), 244-254.
  • Urra Tobar, B. (2014). Evaluación de la efectividad del entrenamiento de estrategias de afrontamiento en el nivel de ansiedad precompetitiva en tenimesistas. Revista de psicología del deporte, 23(1), 67-74.